menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Consiglio comunale in piazza Vittorio Veneto a Calolziocorte. Molti i cittadini intervenuti.

Il Consiglio comunale in piazza Vittorio Veneto a Calolziocorte. Molti i cittadini intervenuti.

Esordio del nuovo Consiglio di Calolzio in piazza: «Vogliamo coinvolgere i cittadini»

La prima assise si è tenuta all'aperto con il giuramento del sindaco Ghezzi dopo la presentazione di Giunta e Consiglieri. Tra fair play e una nutrita presenza di pubblico

Quasi 200 persone hanno assistito al primo nuovo Consiglio comunale di Calolziocorte dopo il voto del 10 giugno, organizzato questa sera, lunedì, in piazza Vittorio Veneto. In periodi di antipolitica è una notizia positiva vedere che un buon numero di persone ha voluto essere presente per vedere l’esordio dei  nuovi eletti e avvicinarsi così all’assise che nei prossimi cinque anni deciderà le sorti della città. Una scelta, quella del Consiglio all’aperto,  voluta dalla maggioranza di centrodestra del nuovo sindaco Marco Ghezzi che ha così giurato davanti ai colleghi consiglieri (16, di cui 11 a sostegno dell’Amministrazione e 5 impegnati nelle file dell’opposizione) e al pubblico.

I risultati del voto e i nomi dei nuovi Consiglieri

«Due settimane fa i cittadini si sono espressi e lo hanno fatto scegliendo a larga maggioranza la nuova Amministrazione, ma è anche vero che è andato a votare solo il 51% dei calolziesi, e questo è un segnale preoccupante  - ha sottolineato Marco Ghezzi, Lega - La principale ragione per cui abbiamo deciso di iniziare con un Consiglio comunale all’aperto è legata proprio al fatto di voler andare incontro ai cittadini, di non aspettare che siano loro a venire in Consiglio, e più in generale di volerli coinvolgerli sempre di più e favorire così la partecipazione. In futuro potrebbero esserci altre iniziative di questo tipo». 

Ghezzi ha quindi presentato i componenti della sua squadra: il vicesindaco Aldo Valsecchi (con delega a Edilizia Privata e Bilancio), l’assessore a Servizi sociali e Demografici Tina Balossi, l’assessore a Sicurezza e Trasporti Luca Caremi, l’assessore a Viabilità e Opere pubbliche Dario Gandolfi, e l’assessore a Turismo, Eventi e Associazioni Cristina Valsecchi.

Vicesindaco e assessori di Calolzio: nomi, volti e deleghe

«Ci siamo subito messi al lavoro - ha aggiunto il primo cittadino - I temi sono tanti, perché abbiamo trovato diverse cose in sospeso e da risolvere velocemente come bandi, assunzione di personale, questione Ausm, gestione dell’ecocentro, telecamere e altro».

Tra gli interventi nel primo nuovo Consiglio anche quello dell’ex sindaco Cesare Valsecchi (PD) il quale ha voluto ringraziare gli elettori che hanno deciso di sostenere il suo gruppo “Cittadini Uniti per Calolziocorte” formazione civica di area centrosinistra. «Non deluderemo quei cittadini che hanno riposto la loro fiducia in noi  e presteremo attenzione affinchè le opere e il lavoro fatto dalla nostra Amministrazione possa essere portato avanti dalla nuova Giunta all’insegna del bene dei calolziesi - ha precisato Cesare Valsecchi - Porteremo  avanti un’opposizione costruttiva mirata esclusivamente al bene della città, con un comportamento non preconcetto dal punto di vista politico, ma caratterizzato da scelte legate ai fatti». Come giudica la nuova Giunta? «Proprio per il motivo che le ho appena illustrato - ha risposto l’ex primo cittadino - prima di giudicare aspetto di vedere all’opera i nuovi assessori. La nostra sarà solo una valutazione nel merito».

Più critico sulle nomine della squadra di Ghezzi, Diego Colosimo, eletto nelle file di Cambia Calolzio, formazione civica di area centrosinistra. «Le scelte fatte dai partiti di centrodestra sanno di vecchia politica e un tema delicato come quello della scuola avrebbe meritato un assessorato ad hoc - ha detto pubblicamente Colosimo - Cambia Calolzio farà un’opposizione molto attenta, e nel momento in cui non dovessero essere difesi gli interessi dei cittadini saremo molto critici. In questi cinque anni porteremo avanti le nostre battaglie in merito ai temi che abbiamo illustrato alla popolazione: dalla tutela dell’ambiente alla valorizzazione delle scuole, dai servizi ai cittadini all’aiuto alle fasce più deboli».

La critica: nuova Giunta troppo azzurra e poco meritocratica

Tra i sostenitori della scelta di organizzare il Consiglio all’aperto anche il vicesindaco Aldo Valsecchi, area Forza Italia, recordman di preferenze alle urne. «Era giusto cercare di coinvolgere i cittadini con questo Consiglio in piazza, anche per far capire che l’Amministrazione è aperta a tutti, che ora non è più tempo di scontro politico, ma  di impegno per lavorare per il bene della città - ha sottolineato Aldo Valsecchi - Come accennato da Ghezzi ci siamo subito messi al lavoro. Ci stiamo già occupando anche del Piano di Governo del Territorio, settimana prossima inizieremo a pianificare le scelte e gli indirizzi futuri con i tecnici».

Presenti tra il pubblico l’ex sindaco e senatore della Lega Paolo Arrigoni e diversi esponenti politici provinciali, in particolare del centrodestra. A inizio Consiglio c’è stata una stretta di mano tra il nuovo sindaco Marco Ghezzi e il suo predecessore Cesare Valsecchi. Alla fine della serata, un’altra significativa stretta di mano questa volta tra Cristina Valsecchi e Sonia Mazzoleni, il nuovo e l’ex  assessore alla Protezione civile. Due bei gesti di fair play. Anche se, ai fotografi, è parsa più naturale la prima delle due strette di mano.

Sotto, la prima assise del nuovo Consiglio comunale di Calolziocorte in piazza Vittorio Veneto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Attualità

Al via in Lombardia treni solo per passeggeri "Covid tested"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento