menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Olimpiadi 2026, l'Italia candida Milano-Cortina: in pista anche il Lecchese

Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana. «Quella di Lombardia e Veneto sarà la candidatura italiana per le Olimpiadi 2026. Era una notizia che aspettavamo, siamo felici"

«Il Coni ha ufficializzato che la candidatura italiana per i giochi olimpici invernali 2026 sarà quella di Milano-Cortina». Lo ha annunciato durante la riunione di Giunta il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana. «Quella di Lombardia e Veneto sarà quindi la candidatura italiana per le Olimpiadi del 2026. Era una notizia che aspettavamo, siamo molto felici. Adesso dobbiamo cominciare a lavorare alacremente perché la candidatura venga approvata anche dal CIO», ha aggiunto Fontana.

Olimpiadi 2026, Piazza "spinge" Rossi: «Lecco e la Valsassina siano protagoniste»

Soddisfatto anche il presidente del Veneto, Luca Zaia: «Questa mattina ho parlato con il presidente del Coni Malagò, il quale mi ha annunciato ufficialmente la sua firma sull'atto di candidatura Milano-Cortina alle Olimpiadi della neve 2026» ha detto all'ANSA. «Siamo ovviamente felicissimi di questa scelta. Ringrazio il governo, il Coni e tutti gli interlocutori che in questi mesi hanno lavorato per questa candidatura che onoreremo lavorando a testa bassa perché rimanga nella storia come un'Olimpiade memorabile. Avanti tutta!».

Olimpiadi 2026 a Milano, «occasione unica per il Lecchese» 

Dopo settimane di tira e molla, non c'è stata la possibilità di lavorare a una candidatura unitaria che comprendesse anche Torino. La candidatura delle due città era stata avanzata dopo che il sottosegretario alla presidenza del consiglio dei ministri con delega allo Sport Giancarlo Giorgetti aveva chiuso a una candidatura di tre città (Milano, Torino e Cortina) per le difficoltà nel raggiungere l’intesa per un’unica gestione dell’evento.

La sindaca del capoluogo piemontese Chiara Appendino commenta duramente: «E' una candidatura per noi incomprensibile, si tratta di andare a costruire ed edificare dove non ci sono gli impianti, Torino era la meno costosa, chi si assume questa responsabilità dovrà spiegarlo al Paese», ha affermato.

Ora se la giocheranno Milano e Cortina.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento