Il mare ferma Andrea Oriana: traversata della Manica rinviata al 2020

L'impresa interrotta dal meteo per il secondo anno consecutivo: questa volta niente partenza. Il campione lecchese: «Se hai un sogno devi continuare a lottare per realizzarlo»

Andrea Oriana ha rinunciato alla traversata della Manica. Per il secondo anno consecutivo, il campione di nuoto lecchese è costretto a rimandare l'impresa. Se nel 2018 aveva dovuto abortire il progetto dopo avere già percorso 33 chilometri, in questo agosto 2019 Oriana non è riuscito a partire da Dover a causa delle pessime condizioni del mare.

«È difficile dover gestire un fallimento come l'anno scorso, quando fai 33 km, vedi la Francia nitida davanti a te e la marea ti respinge - spiega Oriana - È ancora più difficile dover gettare la spugna perché in una settimana il mare ha deciso di non farti partire. Sono desolato, nemmeno domani sarà possibile prendere il largo e con domani si esaurisce la finestra che avevamo. Simon il pilota, che ormai ha preso a cuore la mia causa, ci ha appena detto che mi metterà nelle condizioni migliori per ritentare il prossimo anno, scegliendo la settimana da numero uno della lista. Ci ha anche spiegato che una settimana di mare così terribile raramente l'ha incontrata». 

Estate 2018: meteo proibitivo, Oriana si ferma in mezzo alla Manica

L'amarezza per il campione lecchese è grande, poiché la preparazione, con il Team Elite Academy, era andata nel migliore dei modi. «Confesso che questa volta digerire fa male ancora più dello scorso anno, perché non è stato possibile esprimermi, perché ero pronto. Abbiamo fatto una preparazione fantastica, nuotare quasi 11 ore a 14/15 gradi nel lago di Poschiavo è stato pazzesco. Eravamo pronti a tutto, tranne che a sfidare il mare. Il mare non lo puoi conquistare, lo devi rispettare e accarezzandolo, da lui ti ci devi far portare. Quest'anno il mare mi ha detto che non ero ancora pronto, mi ha detto che non era ancora il momento. Come dice di Alessandro Bertoldi, tutto ha una spiegazione che ora non riesco a capire, ma che presto o tardi capirò. Nella vita può succedere di fallire, una due o tre volte, ma se hai un sogno, un traguardo devi continuare a lottare per realizzarlo». Oriana ha già annunciato ufficialmente che ci sarà un terzo tentativo nel 2020.

L'auspicio del fratello Claudio

«Hai tentato fino all ultimo di raggiungere il sogno, ma il mare ti ha respinto ancora - ha scritto il fratello Claudio Oriana su Facebook - In questi anni abbiamo vissuto gioie, sconfitte, vittorie e colpi duri, ma tu mi hai insegnato che quando si cade ci si rialza con una forza maggiore e una consapevolezza enorme. Dopo il tentativo fallito lo scorso anno hai saputo ricaricarti con ancora piu forza e eri pronto all'impresa. Questa sfida per me e per tutti noi l'hai già vinta. Ed è solo rimandata».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Venezia. Imbarcazione si schianta: morto il recordman Buzzi, ferito Invernizzi

  • Tragedia di Venezia: Nicolini è la seconda vittima lecchese. Invernizzi sotto osservazione

  • Valmadrera: si cerca Cesare Piras, visto l'ultima volta in città

  • Addio al genio Fabio Buzzi: ha scritto la storia della motonautica

  • Calolzio: gratta e vince 100.000 euro nella tabaccheria del centro

  • Resta bloccata con l'auto al passaggio a livello, donna brianzola denunciata

Torna su
LeccoToday è in caricamento