Domenica, 16 Maggio 2021
Attualità Via Bruno Buozzi

"Bione" tra nuova gestione e ristrutturazione: aperti i bandi del Comune

Palazzo Bovara gioca su due tavoli: da una parte si cerca un nuovo gestore, dall'altro non si ferma la ricerca d'investitori privati

Due strade, oggi parallele ma che potrebbero intrecciarsi in futuro. Questo, quantomeno, è l'intento del Comune di Lecco sul Centro Sportivo Comunale "Al Bione", struttura del cui destino si dibatte da almeno un ventennio senza che si riesca a trovare una soluzione radicale. Martedì 13 aprile da Palazzo Bovara è arrivato un passo formale verso la ricerca del nuovo gestore dopo la rottura consensuale del rapporto con Insport, ben antecedente rispetto la naturale conclusione del 2022, associazione subentrata a gennaio 2020 e in men che non si dica colpita duramente dalla pandemia di Covid-19.

Il nuovo bando di gestione, il cui avviso è stato pubblicato sulla piattaforma Sintel, sarà valido dal prossimo 1 luglio fino al 30 giugno 2026. L’offerta dovrà essere trasmessa all’Amministrazione aggiudicatrice entro e non oltre il giorno 9 maggio 2021 alle ore 23, con apertura delle "buste" fissata per le 11 del 12 maggio; nel malaugurato caso in cui non pervenissero offerte, o quelle arrivate non venissero ritenute valide, si aprirà una nuova finestra nel periodo 10-17 maggio, con apertura della documentazione amministrativa fissata per il successivo 19 maggio 2021 alle ore 11. 

"Bione" e privati

Una gestione che, in ogni caso, sarebbe subordinata al buon esito della ricerca d'investitori. Sulla falsariga di quanto fatto dalla Giunta Brivio, infatti, anche la Giunta Gattinoni punta sul coinvolgimento dei soggetti privati per procedere con la ristrutturazione completa del centro sportivo di via Buozzi. Ecco perchè in questi giorni è stato pubblicato un nuovo "avviso di consultazione preliminare di mercato finalizzato all’acquisizione di proposte relative alla valorizzazione strutturale e tecnico-gestionale", più semplicemente un modo per tastare il polso del mercato e trovare potenziali imprenditori interessati a metter mano, questa volta da cima a fondo, all'impianto e renderlo un "centro sportivo diffuso" con il metodo del partenariato pubblico-privato usato anche di recente.

Le proposte dovranno pervenire, in busta chiusa all’Ufficio protocollo del Comune o a mezzo pec, entro le ore 12 del 30 settembre e dovranno essere complete di studio gestionale organizzativo, studio di fattibilità progettuale, business plan preliminare e analisi di mercato. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Bione" tra nuova gestione e ristrutturazione: aperti i bandi del Comune

LeccoToday è in caricamento