Attualità Via Lavello

Il sostegno dei genitori del "Rota" per salvare il Liceo Scientifico di Calolzio

Dopo la solidarietà dei Comuni anche quella di mamme e papà del Comitato e del Consiglio di Istituto: «È importante che la scuola superiore rimanga un punto di riferimento formativo per la Valle San Martino». Ora la palla passa alla Direzione scolastica provinciale

Un momento dell'assemblea con prof e genitori che si è tenuta sabato a Sala.

A Calolzio continua la mobilitazione per chiedere al Provveditorato di salvare il Liceo Scientifico e mantenere così l’attuale e ampia offerta formativa dell’istituto superiore Rota del Lavello. Il nodo è favorire il raggiungimento del numero minimo di iscritti: servirebbero almeno 20 alunni per formare la nuova prima il prossimo anno scolastico, ma al momento ce ne sarebbero solo 16. Come emerso nell’assemblea organizzata sabato all'oratorio di Sala, genitori e docenti chiedono di far partire comunque la prima Liceo a settembre per evitare il rischio di perdere l’indirizzo in futuro indebolendo così la scuola diventata negli anni un punto di riferimento culturale e formativo per l’intera Valle San Martino. Dopo la solidarietà di sindaci e amministratori del territorio, i docenti e i genitori che hanno lanciato l’appello ricevono ora anche il sostegno della componente genitori del Consiglio d’Istituto e del Comitato Genitori.

Ecco il loro appello. Intanto Sonia Invernizzi, docente e mamma di una delle allieve iscritte, chiede all’opinione pubblica e al mondo istituzionale calolziese di continuare a sostenere la “battaglia” per salvare il Liceo Scientifico: il tema sta infatti approdando all’attenzione del Provveditore e delle autorità scolastiche competenti proprio in questi giorni, in vista della definizione dei corsi al via da settembre in provincia di Lecco. Anche l'appello del Comitato Genitori è infatti rivolto all'UST, l'Ufficio Scolastico Territoriale di Lecco.

La componente dei genitori del Consiglio di Istituto e il Comitato genitori dell’Istituto Superiore Lorenzo Rota di Calolziocorte vista l’iniziativa promossa da alcuni genitori e docenti dell’Istituto per consentire la formazione della classe prima dell’indirizzo liceo scientifico tradizionale per l’anno scolastico 2020/2021 ritiene di appoggiare le iniziative attualmente in corso per la formazione della classe e di promuovere ulteriori iniziative atte a trovare una soluzione che possa avere riscontro da parte dell’UST.

Il Comitato e i genitori del Consiglio di Istituto ritengono che sia importante che l’Istituto Rota rimanga un punto di riferimento educativo per il territorio della Valle San Martino. In questi anni la scuola di secondo grado Lorenzo Rota è stata riconosciuta dalle famiglie e dagli studenti per la serietà e la competenza didattica e l’attenzione verso il singolo alunno.

Se non si dovesse creare la classe ci sarebbe sicuramente un impoverimento dell’offerta formativa e culturale dell’Istituto. Vogliamo ricordare inoltre che l’autonomia scolastica dell’Istituto Rota è stata data anche per decongestionare le scuole di Lecco ed evitare un appesantimento del traffico verso il capoluogo di provincia. Per tutti questi motivi crediamo sia utile trovare una soluzione per la formazione della classe prima liceo scientifico tradizionale.

I genitori del Comitato e Consiglio di Istituto “Lorenzo Rota“

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il sostegno dei genitori del "Rota" per salvare il Liceo Scientifico di Calolzio

LeccoToday è in caricamento