Martedì, 26 Ottobre 2021
Attualità Garlate / Via Statale

È tornato a casa il primo garlatese che ha contratto il virus

Il Comune fa il punto della situazione in paese nei giorni dell'emergenza: «La sua guarigione è una buona notizia che alimenta le speranze per gli altri cinque concittadini ancora in ospedale»

È tornato a casa il garlatese che per primo aveva contratto il virus. «Il paziente era ricoverato da diversi giorni all'ospedale Manzoni di Lecco e gli esami hanno dato più volte il riscontro negativo, per cui è stato giudicato guarito - fa sapere l'Amministrazione comunale guidata dal sindaco Giuseppe Conti - Si tratta di una buona notizia che alimenta le speranze per gli altri cinque garlatesi che sono in corsia».

Il cordoglio per la scomparsa della dottoressa Anna Maria Focarete

Per una buona notizia ce n'è un'altra invece molto triste che da ieri ha suscitato cordoglio e dolore in paese: la morte, proprio a causa del Coronavirus, della dottoressa Anna Maria Focarete. Il medico di famiglia era un punto di riferimento da oltre 30 anni per tantissime famiglie e pazienti del territorio olginatese: il suo studio principale si trovava a Olginate in via Cantù, ma lavorava anche a Valgreghentino e abitava proprio a Garlate. 

Il territorio olginatese piange la dottoressa Anna Maria Focarete, medico di famiglia per oltre 30 anni

«Purtroppo, come noto, ci ha lasciato la dottoressa Focarete, nostra concittadina con ambulatorio ad Olginate, molto stimata e conosciuta - aggiunge l'Amministrazione Conti - Si è spenta ieri, venerdì, all'ospedale di Merate, dove era ricoverata da qualche giorno. Ai suoi familiari abbiamo espresso il cordoglio della nostra comunità». Consoglianze sono state espresse anche dal sindaco di Olginate Marco Passoni e da quello di Valgreghentino Matteo Colombo, che ha scritto sulla pagina Facebook del Comune: «L’Amministrazione esprime le più sentite condoglianze ai familiari della dottoressa Anna Maria Focarete, medico di base operante sul territorio e anche nel nostro Comune, venuta a mancare nella notte tra giovedì e venerdì. Insieme a tutti i cittadini di Valgreghentino, siamo loro vicini e ci uniamo nel cordoglio».

«Continuate a stare a casa il più possibile»

L'Amministrazione di Garlate ha infine rilanciato l'appello, rivolto a tutti, di rimanere a casa: «Ricordiamo ancora una volta a tutti di non dimenticarsi mai le norme di sicurezza e la necessità di rimanere in casa il più possibile. È un sacrificio indispensabile per rivedere la luce nel nostro futuro prossimo».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

È tornato a casa il primo garlatese che ha contratto il virus

LeccoToday è in caricamento