rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Attualità

Maxi piano per la sanità: Regione Lombardia investe 4 miliardi di euro

L'annuncio del governatore Attilio Fontana e degli assessori Letizia Moratti e Pietro Foroni con Guido Bertolaso. Risorse da utilizzare fino al 2028 in assistenza territoriale, transizione ambientale, nuove tecnologie di diagnosi e cura

Grandi investimenti da Milano per il tanto vituperato (e messo in crisi dalla pandemia nell'ultimo anno) settore sanitario. «Oggi (mercoledì, ndr) in Giunta sono stati approvati due importanti provvedimenti. Il primo riguarda l'individuazione dei punti vaccinali per la fase di vaccinazione massiva e il secondo investimenti importanti nei prossimi anni in materia sanitaria per un totale di 4 miliardi di euro tra il 2021 e il 2028».

Lo ha detto il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana in conferenza stampa con la vicepresidente e assessore al Welfare Letizia Moratti, l'assessore al Territorio e Protezione civile Pietro Foroni, il coordinatore della campagna vaccinale di massa Guido Bertolaso.

Vaccini anticovid in Lombardia. Moratti: «170.000 somministrazioni al giorno per concludere il piano entro giugno»

La vicepresidente Moratti ha illustrato il piano di investimenti in sanità. «Quattro miliardi che saranno destinati all'assistenza territoriale, alla transizione ambientale e alle nuove tecnologie di diagnosi e cura. Di questi - ha spiegato Moratti - 700 milioni saranno utilizzati per realizzare un centro di accesso ai servizi sanitari per ogni distretto e 80 milioni serviranno alle infrastrutture per la sanità condivisa, la telemedicina e il teleconsulto».

Riguardo agli investimenti in sanità, previsti tra il 2021 e il 2028 l'assessore al Welfare ha spiegato che «anticipano un punto che sarà elaborato nella riforma della legge 23». Nell'immediato, per il 2021, sono previste risorse per 150 milioni. Ecco il dettaglio degli investimenti.

I punti chiave del piano

  • Assistenza territoriale
  • Transizione ambientale
  • Tecnologie innovative di diagnosi e cura

La ripartizione dei 4 miliardi

  • 1,35 miliardi a valere del Programma pluriennale degli investimenti in sanità
  • 1,6 miliardi di risorse autonome regionali nel periodo 2021-28
  • 1,1 miliardi di risorse Next Generation Eu da confermare dal Governo

Assistenza territoriale

  • Realizzare 1 centro di accesso ai servizi sanitari e socio-sanitari per ogni distretto
  • (100.000 abitanti): 700 milioni - Saranno luoghi riconoscibili dai cittadini e dedicati alla prevenzione, all'integrazione sociosanitaria, al dialogo tra i medici di medicina generale e gli specialisti
  • Smart Health - Infrastrutture per la sanità condivisa, telemedicina, teleconsulto,
  • televisita: 80 milioni - Strumenti per facilitare l'accesso alle cure da parte del cittadino e agevolare il dialogo tra i professionisti (medici di medicina generale, specialisti ambulatoriali, équipe multidisciplinari)

La transizione ambientale

  • Potenziamento e miglioramento rete ospedaliera per ragioni tecniche e sanitarie: 700
  • milioni - nuovo ospedale di Cremona, Padiglione Satellite Brescia, riorganizzazione Valtellina
  • Interventi diffusi per la transizione ambientale: 250 milioni - aumento efficienza energetica, mobilità dolce e sostenibile, sviluppo nuovi materiali
  • Collaborazione attiva con il Gestore Servizi Elettrici per individuazione di modelli innovativi di «Ospedale ad impatto zero»
  • Nuovi ospedali con criteri di sostenibilità: 800 milioni - nuovi Santi Paolo e Carlo di Milano, nuovo Busto-Gallarate

Tecnologie innovative di diagnosi e cura

  • Potenziamento tecnologico apparecchiature di diagnosi e cura ad alta tecnologia (RMN, TAC, Acceleratori, Mammografi, PET-TC, nuove tecnologie di robotica): 170 milioni
  • Potenziamento tecnologico apparecchiature di diagnosi e cura a bassa e media tecnologia: 80 milioni
  • Obiettivo di miglioramento della diagnosi ed aumento dell'efficienza di erogazione delle prestazioni

Ulteriori azioni

  • Incremento sicurezza ospedali (prevenzione incendi, sismica, barriere architettoniche, sicurezza lavoratori): 500 milioni
  • Mantenimento del patrimonio strutturale sanitario esistente e ulteriore sviluppo di quello tecnologico: 370 milioni
  • Ulteriori interventi a seguito della puntuale ricognizione delle esigenze sul territorio: 350 milioni

Uso immediato delle risorse disponibili

Allocazione delle risorse già disponibili nel bilancio regionale 2021 (risorse regionali per 150 milioni)

Definizione della cornice programmatoria per la presentazione di istanze da parte degli ospedali pubblici:

  • Progetti integrativi al piano di potenziamento delle Terapie Intensive e semi-intensive;
  • Progetti strategici in continuità con gli investimenti pregressi (centrale unica soccorso AREU, nuovo Antonini Rossini presso Niguarda;
  • integrazione e completamento di opere previste negli Accordi di Programma (Città della salute e San Gerardo);
  • Piani di incremento dei livelli di sicurezza antincendio, sicurezza sismica e abbattimento barriere architettoniche dei presidi delle ASST e IRCCS di diritto pubblico;
  • Sostituzione di grandi apparecchiature biomediche giunte a fine vita con particolare riferimento alla diagnosi oncologica (CT-PET) e all'area dell'emergenza urgenza;
  • Potenziamento della rete territoriale con particolare riferimento all'assistenza psichiatrica;
  • Innovazione tecnologica per sistemi di pagamento Pago-PA (cashless);
  • Manutenzione di strutture, impianti e apparecchiature.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi piano per la sanità: Regione Lombardia investe 4 miliardi di euro

LeccoToday è in caricamento