rotate-mobile
Sabato, 25 Maggio 2024
Attualità

All'ospedale di Lecco un'importante tecnica per il trattamento delle colecistiti acute

Drenaggio ecoendo-guidato della colecisti: il Manzoni entra a far parte del ristretto gruppo di ospedali in Italia in grado di offrire questa procedura ai pazienti

La tecnica del drenaggio ecoendo-guidato della colecisti per il trattamento delle colecistiti acute è stata da poco introdotta all’ospedale Manzoni nella Struttura complessa di endoscopia digestiva dell’Asst Lecco, diretta da Arnaldo Amato. I pazienti affetti da questa patologia devono essere sottoposti all’asportazione chirurgica della colecisti anche per prevenire eventuali recidive, tutt’altro che infrequenti e che talora possono essere molto gravi.

"Ringrazio il Dottor Amato per aver introdotto presso l’Asst di Lecco la metodica che consente di trattare la colecistite acuta e prevenire la sua recidiva senza interventi chirurgici nei pazienti fragili pluripatologici che mal tollererebbero terapie chirurgiche più invasive - commenta Paolo Favini, direttore generale di Asst Lecco - Il Manzoni entra a far parte del ristretto gruppo di ospedali in Italia in grado di offrire questa procedura ai propri pazienti".

"Con l’invecchiamento della popolazione - sottolinea inoltre Antonio Ardizzoia, direttore del Dipartimento Area oncologica Asst Lecco - è sempre più frequente che la colecistite acuta colpisca persone non più giovanissime e magari affette da altre patologie cardiologiche, polmonari, renali e non solo. In questi soggetti, così detti fragili, una chirurgia potrebbe essere controindicata per un eccesso di rischi legati appunto all’età ed alla presenza di plurime patologie".

Diversi studi, pubblicati recentemente in letteratura, hanno dimostrato l’efficacia di questa nuova tecnica nel trattare e prevenire le colecistiti nei pazienti che non possono essere operati, risparmiando loro ulteriori complicanze, riducendo la durata dei ricoveri e prevenendo le recidive a distanza.

"Per evitare i rischi correlati alla chirurgia nei pazienti fragili - spiega il dottor Arnaldo Amato, direttore Endoscopia digestiva Asst Lecco - è stata recentemente proposta una terapia alternativa all’asportazione della colecisti, che consiste nel posizionamento, per via endoscopica, di un apposito tubicino di metallo tra la colecisti e lo stomaco o il duodeno, allo scopo di evitare il ristagno della bile, le coliche biliari e le possibili infezioni. Questa procedura è possibile grazie ad un particolare strumento endoscopico, detto eco endoscopio, che permette sia una visione diretta con una telecamera, proprio come un normale gastroscopio, ma anche una visione ecografica, grazie alla presenza di una sonda posizionata sulla punta dello strumento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

All'ospedale di Lecco un'importante tecnica per il trattamento delle colecistiti acute

LeccoToday è in caricamento