menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trenord, circolazione verso la normalizzazione dopo i disagi della mattina. La Regione attacca Rfi

L'azienda: «La vastità del guasto e i tempi di ripristino hanno causato disagi significativi ai passeggeri Trenord»

Dalle ore 12.15 è ritornata gradualmente alla normalità la circolazione ferroviaria nel nodo di Milano dopo la risoluzione del guasto infrastrutturale verificatosi a Milano Porta Garibaldi - la mancanza di tensione della linea elettrica di RFI - che ha causato la sospensione della circolazione dell’intera stazione di superficie dalle ore 5.30. 

«La vastità del guasto e i tempi di ripristino hanno causato disagi significativi ai passeggeri Trenord - spiega l'azienda -: degli 800 treni circolati fino al termine dell’intervento dei tecnici del gestore dell'infrastruttura, oltre 200 hanno viaggiato in ritardo - 21 con oltre 60 minuti - 70 corse sono state soppresse totalmente e 83 parzialmente. Per le ripercussioni del guasto saranno possibili ulteriori disagi anche nel pomeriggio sulle linee interessate. Trenord ha provveduto a riorganizzare l’offerta commerciale sulle linee interessate dal guasto, disponendo fermate straordinarie a Milano Greco Pirelli e Sesto San Giovanni per le corse dirette a Milano Centrale. I provvedimenti sono stati comunicati in tempo reale sul sito trenord.it e sull’App Trenord; è stata potenziata l’assistenza ai viaggiatori nelle stazioni di Milano Porta Garibaldi e Milano Centrale. Per spostarsi attraverso la città di Milano i viaggiatori hanno utilizzato il Passante ferroviario, regolarmente funzionante. Non sono state coinvolte le linee che raggiungono la stazione di Milano Cadorna».

Regione Lombardia ha criticato, ancora una volta, l'operato di Rfi: «Questa mattina si è verificato un guasto elettrico molto grave alla rete statale di Rfi che ha causato ritardi a catena, soppressioni, treni bloccati. Disagi enormi, che si aggiungono a quelli che in Lombardia si continuano a subire, troppo spesso per l'inadeguatezza di un'infrastruttura ferroviaria che deve essere manutenuta, ammodernata e potenziata». Lo ha detto l’assessore regionale alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi. «Occorre – ha aggiunto - che Rfi risolva strutturalmente i problemi del nodo di Milano, garantendo tempistiche ragionevoli e soprattutto certe per gli interventi. L'obiettivo di tutti deve essere quello di assicurare un servizio adeguato: ognuno deve fare la sua parte fino in fondo».

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Lecco usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Attualità

Lecco: lunedì 10 aprono le prenotazioni dei vaccini per la fascia 50-59 anni

Ultime di Oggi
  • Incidenti stradali

    Tragico incidente fra auto e moto: muore ragazza di Casatenovo

  • Cronaca

    Malori sui sentieri montani: doppio intervento dell'elicottero

  • Attualità

    Lecco, Gattinoni: «Le grandi opere sono le piccole manutenzioni»

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento