rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
Il salvataggio / Valmadrera

Cagnolina costretta a vivere nello sporco sul balcone: ora cerca un padrone

L'animale è stato salvato a Valmadrera grazie alle segnalazioni dei residenti

Era costretta a vivere su un balcone e nello sporco. A Valmadrera una cagnolina è stata tratta in salvo dai veterinari di Ats Brianza e ora cerca una nuova casa. Il quadrupede era chiuso su un balcone di 3 metri quadri, costretto a convivere con i propri escrementi e le chiazze della propria urina, sprovvisto di acqua e cibo, senza alcun giaciglio, né riparo dal freddo o dalla pioggia. È “la penosa condizione in cui era tenuto dal proprietario un cane femmina di taglia medio-piccola”. Ad accertarla i veterinari del Servizio Igiene Urbana Veterinaria di Ats Brianza, intervenuti per un sopralluogo nell’abitazione insieme ai carabinieri della locale stazione e alle guardie eco-zoofile di Lecco.

L’animale, sprovvisto di microchip e mai sottoposto all'identificazione obbligatoria per legge, è apparso spaventato e malnutrito. “Valutata l’assoluta inadeguatezza delle sue condizioni, e del luogo di detenzione”, i veterinari hanno provveduto a disporne il sequestro amministrativo, sottraendolo alla disponibilità del suo padrone, e assegnandolo, come prevede la norma in questi casi, al Comune. Ora la cagnolina, un meticcio di 1 anno, si trova al canile sanitario di Lecco, in attesa di un nuovo proprietario, molto più amorevole di quanto non abbia mostrato di essere il precedente. 

cane abbandonato valmadrera marzo 2023

Le segnalazioni dei residenti

Per porre fine a questa situazione di maltrattamento preziosa “è stata la meritoria segnalazione inoltrata nei giorni scorsi ad Ats Brianza dalla Lega per l’Abolizione della Caccia, cui era stata riferita da persone residenti nella zona la cronica presenza sul balcone di quel cane, sin da quando era cucciolo”.

“La collaborazione dei cittadini e delle associazioni è per noi un utile supporto nel far emergere situazioni di incuria nei confronti degli animali, quando non di vero e proprio maltrattamento, che è un reato disciplinato dal codice penale”, aggiunge il dottor Diego Perego, direttore del Dipartimento Veterinario di Ats Brianza. 

Denutrizione, abbandono, uso di catene corte e strette, detenzione in spazi angusti, mancanza di pulizia, sono tutte situazioni che violano il diritto dell’animale a una condizione di benessere, conforme alle sue caratteristiche fisiologiche ed etologiche. 

“Il nostro impegno - prosegue Perego - è massimo, sia sul fronte dell’attività ispettiva, ma ancor prima su quello preventivo ed educativo, per promuovere nei proprietari degli animali d’affezione, e non solo, la sensibilità a una cultura rispettosa dei bisogni dei nostri amici a quattro zampe. Possedere un cane deve essere una scelta responsabile, che comporta precisi doveri”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cagnolina costretta a vivere nello sporco sul balcone: ora cerca un padrone

LeccoToday è in caricamento