Cronaca Via dell'Eremo

Coronavirus, il punto: 113 casi nel Lecchese, rapporto positività/tamponi al 10%

In regione Lombardia, a fronte di 24.847 tamponi effettuati sono 2.506 i nuovi positivi (10%). I guariti/dimessi sono 1.683

Sono 113 i tamponi positivi al Covid-19 nelle ultime ventiquattro ore in provincia di Lecco, a fronte di poco meno di 20mila test effettuati in tutta la Lombardia. Il totale delle persone contagiate nella nostra provincia da inizio pandemia sale così a quota 13.887.

Ecco il rimpasto nella giunta lombarda: via Gallera, Piani e Cambiaghi

In regione Lombardia, a fronte di 24.847 tamponi effettuati sono 2.506 i nuovi positivi (10%). I guariti/dimessi sono 1.683.

I dati di oggi, sabato 9 gennaio

  • i tamponi effettuati: 24.847 totale complessivo: 5.023.007
  • i nuovi casi positivi: 2.506 (di cui 128 ‘debolmente positivi’)
  • i guariti/dimessi totale complessivo: 416.326 (+1.683), di cui 3.721 dimessi e 412.605 guariti
  • in terapia intensiva: 456 (-10)
  • i ricoverati non in terapia intensiva: 3.577 (+141)
  • i decessi, totale complessivo: 25.728 (+63)

I nuovi casi per provincia

  • Milano: 641 di cui 258 a Milano città;
  • Bergamo: 62;
  • Brescia: 413;
  • Como: 227;
  • Cremona: 139;
  • Lecco: 113;
  • Lodi: 73;
  • Mantova: 244;
  • Monza e Brianza: 195;
  • Pavia: 183;
  • Sondrio: 70;
  • Varese: 87.

Coronavirus: il raffronto con i dati di ieri, venerdì 8 gennaio

Vaccinazioni, siamo oltre quota 46mila

Nelle strutture sanitarie della Lombardia anche oggi sono state effettuate 12.000 vaccinazioni anti-Covid. Il dato complessivo sale quindi a oltre 58.500 somministrazioni dall’inizio della campagna; 153.720 le dosi consegnate. I referenti della campagna vaccinale delle varie aziende lombarde stanno completando in queste ore, come avviene quotidianamente, le procedure di trasmissione alle autorità nazionali dei dati riferiti all’attività svolta oggi.

«Siamo in linea con il piano»

«Sono contento che sia partita questa collaborazione tra Regione Lombardia e le Rsa, insieme stiamo combattendo una battaglia difficilissima perché purtroppo siamo ancora nel pieno dell'emergenza, come ci dicono i dati degli ultimi giorni. Dobbiamo essere molto cauti nel guardare al futuro, nel rispetto di quelle regole che sono fondamentali». Lo ha detto stamattina il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, in occasione della seconda giornata di vaccinazioni anti Covid19 alla Fondazione Molina Onlus di Varese.

«Il vaccino è l'unico mezzo - ha sottolineato il presidente Fontana durante il suo intervento - l'unica soluzione per sconfiggere questo maledetto virus, il resto sono tutti palliativi. Sono contento che si sia iniziata la campagna vaccinale nelle RSA perché sono quelle che più hanno sofferto durante la prima ondata e perché custodiscono i nostri anziani, le persone più fragili alle quali dobbiamo prestare particolare attenzione. Confidiamo nei nuovi vaccini che devono arrivare». 

«In questi ultimi giorni è arrivata la notizia che anche quello di Moderna è stato riconosciuto dall'EMA, appena avremo il riconoscimento e la consegna di tutti i vaccini, potremo avviare una campagna vaccinale nei confronti di tutta la popolazione lombarda. Oggi nonostante le polemiche, che sono state strumentalmente portate avanti da alcuni, siamo nel pieno rispetto del piano che abbiamo presentato ad Arcuri e continueremo a portarlo avanti».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, il punto: 113 casi nel Lecchese, rapporto positività/tamponi al 10%

LeccoToday è in caricamento