menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tragedia sulla Super: «cavalcavia corroso dal sale antighiaccio»

La tesi di Alessandro Aronica, ingegnere e professore al Politecnico di Lecco

Il crollo del cavalcavia sulla Statale 36 è stato causato dal deterioramento dovuto, in buona parte, al sale usato per sciogliere il ghiaccio nei periodi invernali.

Ad ipotizzarlo, dopo aver visto il video di ANAS, è Alessandro Aronica, della commissione strutture dell'Ordine degli ingegneri di Milano e docende di scienze delle costruzioni del Politecnico di Lecco.

«Da quanto si capisce dal filmato - ha spiegato Aronica ad Agi - è probabilmente successo che, quando il camion si è trovato col massimo peso sulla trave centrale del ponte, c'è stata la rottura dell'appoggio dove la trave trova sostegno, sulla spalla laterale. Questo è dovuto in parte al peso ma quasi certamente al deterioramento delle caratteristiche meccaniche dei materiali».

I materiali - infatti - risalgono agli anni '60/'70, periodo di costruzione (anche) del cavalcavia, che - sostiene il professore - sono «molto sensibili agli attacchi dei cloruri, dei sali buttati in inverno». Con il tascorrere del tempo - infatti - aumenta la porosità del calcestruzzo e, così, «si degrada l'armatura. A un carico di peso importante si è avuta quindi la rottura fragile del sistema».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento