rotate-mobile
Domenica, 4 Dicembre 2022
I fondi / Valsassina / Via Valderia

Frana di Ballabio, subito i soldi: 350mila euro per la messa in sicurezza

La Regione si è schierata a fianco del Comune: i primi fondi a disposizione dalla Lomabrdia

Ecco i fondi per gli interventi anti-frana a Ballabio. Nel corso della passata settimana degli enormi massi si sono staccati dalla parete del monte Due Mani, rendendo necessario lo sfollamento di alcune famiglie vista la vicinanza del centro abitato. Ben diciannove persone, infatti, hanno dovuto attendere un paio di giorni prima di poter fare rientro a casa: il tempo necessario per scavare una sorta di vallo e mettere in sicurezza la zona.

Regione Lombardia ha stanziato in tempi rapidi 350mila euro per “finanziare gli interventi necessari a garantire la messa in sicurezza” della parete rocciosa, “a seguito della frana registrata nelle scorse notti” nel più popoloso tra i comuni valsassinesi. Lo ha reso noto l'assessore regionale al Territorio e Protezione civile, Pietro Foroni.

L'intervento, in corso di realizzazione, “consiste nel rendere più sicura la zona interessata dallo smottamento attraverso verifiche dirette della parete dove è avvenuto il crollo, il disgaggio manuale dei massi pericolanti, la legatura dei massi instabili e altre soluzioni da adottare ai piedi del monte”. “Esprimo innanzitutto vicinanza alle persone per i disagi causati dall'episodio di smottamento”, ha quindi commentato l'assessore regionale.

“Fortunatamente non si segnalano feriti, ma solo persone evacuate - ha aggiunto - che hanno fatto ritorno nelle proprie abitazioni. Anche questa volta Regione Lombardia farà la propria parte, stanziando le risorse necessarie per garantire la prima fase di interventi per un ritorno alla normalità. Ringrazio tutti gli operatori e le autorità intervenute”.

19 sfollati per la frana di Ballabio

Sono enormi le dimensioni dei sassi che si sono staccati dal monte Due Mani. Durante la tarda serata di mercoledì 5 ottobre il silenzio valsassinese è stato squarciato dall'improvvisa frana che ha terminato la propria corsa su un prato a fondo valle, in quel momento fortunatamente non frequentato. Nel corso della mattinata di giovedì i pompieri, che hanno presidiato la zona per tutta la notte, hanno trasportato in loco il geologo per le indagini del caso. Il professionista è arrivato in Valsassina mediante l'utilizzo del tipico elicottero biancorosso. Nel corso delle ore è salito a diciannove il conto degli sfollati, poi rientrati a casa entro sabato mattina.

frana massi ballabio 6 ottobre 20222

La frana nella notte

Intorno alle 22 i vigili del fuoco sono stati allertati dalla Centrale Operativa di Lecco: le squadre si sono mosse per far fronte alla frana che ha colpito il centro abitato valsassinese. Stando a quanto riferito inizialmente da fonti dei pompieri, un grosso masso si è staccato dal Due Mani ed è caduto vicino a delle abitazioni, spezzandosi in tre parti e rendendo necessaria l'entrata in azione dei vigili del fuoco tramite la prima partenza e il carro luci.

frana massi ballabio 6 ottobre 20223

I pompieri hanno operato per mettere in sicurezza la zona, evacuando quattro famiglie per un totale di sette persone. I soccorritori sono rimasti in presidio per tutta la notte, in attesa della luce del giorno e del geologo per le verifiche del caso.

frana ballabio pompieri 5 ottobre 20221-2

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frana di Ballabio, subito i soldi: 350mila euro per la messa in sicurezza

LeccoToday è in caricamento