rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Cronaca Mandello del Lario / Olcio

Vandali imbrattano il nuovo lungolago a Olcio. Fasoli: "Non è il modo di esprimere dissenso"

Colpita una delle strutture di protezione con scritte che la pioggia dovrebbe cancellare definitivamente. Il sindaco: "Criticare è sempre facile, fare difficile. L'autore poteva dircelo in faccia"

Vandali di nuovo in azione a Mandello. Questa volta i soliti ignoti hanno colpito a Olcio, danneggiando una protezione in corten del nuovo lungolago con il gesso e una frase emblematica. Considerato l'evidente dissenso nei confronti dell'opera che il Comune terminerà nelle prossime settimane, l'ipotesi più accreditata è che si tratti di qualche residente infastidito dai lavori.

Ne è convinto il sindaco di Mandello Riccardo Fasoli. "Si tratta di un gesto volontario e non di una ragazzata, perché è fatto con il gesso. Non c'è volontà di danneggiare in maniera permanente, quanto solo di infastidire e lanciare un messaggio". Nessun collegamento, dunque, con i recenti episodi di vandalismo accaduti in paese, a Molina e a Mandello Basso. "Gli altri casi sono peggiori perché sono state danneggiate le strutture, questa persona voleva soltanto far passare un messaggio. Abbiamo eliminato la scritta, il segno è rimasto ma dopo le prime piogge dovrebbe andar via definitivamente - prosegue il primo cittadino - Io posso capire qualsiasi tipo di problema, però è facile criticare piuttosto che fare. E in ogni caso le critiche possono essere espresse in maniera diversa, anche personalmente con le parole".

"La spiaggia era inutilizzata da anni"

Lavori lungolago Olcio (2)-2

Fasoli, al di là della questione soggettiva, chiarisce alcuni punti fondamentali dell'opera in fase di realizzazione a Olcio. "I dettagli architettonici possono piacere o no. Ma in quel punto c'era un sottopasso non più fruibile, ed è stato eliminato l'accesso a lago. La parte della spiaggia per tre quarti è sempre stata impiegata come discarica di terra o deposito di barche inutilizzato da anni. Un'altra parte di spiaggia era usata solo dai residenti. Ora è stato approntato un camminamento che prima non c'era e abbiamo sistemato l'intera spiaggia. Ci vuole del tempo per abituarsi, come per tutte le cose". 

Nei mesi scorsi qualche critica è stata espressa anche riguardo le tempistiche del nuovo lungolago. "Abbiamo avuto di mezzo la pandemia, una guerra e la difficoltà di reperire materiali, più altre difficoltà. Una parte, verso il molo, sarà già fruibile da quest'estate, mentre per l'altra occorrerà aspettare la bella stagione 2023, dopo l'affidamento del chiosco".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vandali imbrattano il nuovo lungolago a Olcio. Fasoli: "Non è il modo di esprimere dissenso"

LeccoToday è in caricamento