rotate-mobile
Notizie Centro storico

Pro Vita contro il Comune: “Indrottinano i dipendenti con Renzo&Lucio”

L'associazione contro il corso rivolto ai dipendenti di Palazzo Bovara

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

In modo subdolo e ideologico il Comune di Lecco, che a gennaio scorso ha aderito alla rete RE.A.DY. sotto il plauso dell’associazione arcobaleno “Renzo e Lucio”, ora - proprio tramite la stessa associazione e con il Consorzio Consolida - propone un corso di formazione gender per il personale socio-educativo del Comune che “quotidianamente lavora a contatto con i giovani”. Subdolo perché non potendo arrivare direttamente ad indottrinare i più piccoli nelle scuole, grazie all’opposizione in Comune e alle famiglie contrarie, così facendo l’amministrazione e le associazioni LGBTQ vogliono formare ideologicamente chi incontra i giovani. Il programma del corso non lascia dubbi: i dipendenti verranno indottrinati per veicolare teorie assurde e antiscientifiche come l’identità fluida e il non binarismo.

Cosa diranno poi ai giovani e ai minori che chiederanno loro aiuto? Parleranno forse di transgenderismo, bagni neutri, adozioni per coppie omosessuali e utero in affitto? E’ vergognoso che non sia previsto un contraddittorio né la presenza, tra i docenti, di esperti e professionisti che possano portare un punto di vista diverso rispetto al pensiero unico dominante che evidentemente il Comune vuole propinare alla cittadinanza.

Jacopo Coghe, portavoce di Pro Vita & Famiglia Onlus

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pro Vita contro il Comune: “Indrottinano i dipendenti con Renzo&Lucio”

LeccoToday è in caricamento