rotate-mobile
Notizie Calco

I cuochi contadini conquistano i comuni dell'Adda: "Valorizziamo i prodotti del territorio"

Dai mondeghini di pecora brianzola agli gnocchi di patata bianca comasca: successo per la cena promossa dal Parco Adda Nord insieme a Coldiretti e agli chef di Campagna amica

"Conosci e gusta la Valle dell'Adda". Si chiama così la nuova iniziativa che si distribuirà su più eventi organizzata in collaborazione tra Parco Adda Nord e Coldiretti Como Lecco. Lo scopo? Valorizzare e promuovere i prodotti tipici di un territorio ricco e sorprendente, meta, grazie alle sue numerose aziende agricole, anche di un turismo enogastronomico in costante crescita. Una recente indagine promossa da Coldiretti Ixè ha evidenziato come quasi quattro italiani su cinque (78%) in vacanza lontano da casa preferiscono consumare prodotti tipici del posto a chilometri zero per conoscere le realtà enogastronomiche del luogo in cui si trovano.

Il cibo a Km0 cucinato da Giulia Di Scanno, Ettore Toso, Debora e Salvatore Cartolano

Il cibo rappresenta non a caso per quasi il 22% degli italiani - sottolinea la Coldiretti - la principale motivazione di scelta del luogo di villeggiatura, mentre per un altro 56% costituisce uno dei criteri su cui basare la propria preferenza. Solo un 4% dichiara di non prenderlo per niente in esame. Il primo degli eventi di "Conosci e gusta la Valle dell'Adda" si è tenuto ieri sera, martedì 12 aprile a Villa Calchi di Calco dove Parco Adda Nord e Coldiretti Como-Lecco hanno invitato gli amministratori dei 35 Comuni e delle Province soci del Parco regionale a una serata di gala dove protagonista è stato proprio il cibo a Km0 cucinato dai Cuochi Contadini, figure professionali di Coldiretti e titolari di agriturismi sul territorio lariano: si tratta di Giulia Di Scanno, Ettore Toso, Debora e Salvatore Cartolano.

Una cena tra agricoltura, storia della cucina e "chilometro zero" gourmet dove tra un aperitivo a base di mondeghili di pecora brianzola, un risotto agli stracchini lariani e un piatto di gnocchi di patata bianca comasca al ragù di coniglio alle erbe, si è parlato di enogastronomia e agricoltura, per fare il punto della situazione in un momento economico in cui produrre "vicino a casa" è sempre più cruciale. Importante anche la collaborazione con l’Isis Romagnosi di Erba che ha dato supporto ai servizi di sala e cucina.

Parco Adda 2-2-4

Per il Parco Adda Nord era presente il Consiglio di Gestione al gran completo con la presidente Francesca Rota e il vicepresidente Alessandro Chiodelli, il consigliere delegato Paolo Mauri promotore dell'iniziativa e gli altri consiglieri Luigi Esposito, Antonio Groppelli e Ignazio Ravasi. Insieme a loro c'era il direttore Mario Girelli. Per Coldiretti, presenti il presidente Fortunato Trezzi, il direttore Rodolfo Mazzucotelli e il presidente dell’Associazione AgriMercato di Campagna Amica Francesca Biffi. 

Paolo Mauri: "Al via un programma di eventi legati alla valorizzazione dei prodotti locali"

«Insieme a Coldiretti abbiamo pensato di strutturare un programma di eventi legati alla promozione e alla valorizzazione dei prodotti locali - spiega il consigliere Paolo Mauri, che tra le sue deleghe ha quella al marketing territoriale legata all'iniziativa “Conosci e gusta la Valle dell’Adda” - Lo abbiamo aperto con questa cena di gala a Km0 proprio per sensibilizzare gli amministratori rispetto alle potenzialità non indifferenti a livello enogastronomico che ha il nostro territorio. Anche la location non è stata casuale. Villa Calchi come le tante altre residenze storiche che caratterizzano la Valle dell'Adda sono un patrimonio unico che è anche compito delle istituzioni far conoscere. E per questo ci piacerebbe riproporre situazioni conviviali come quella di Calco in altre dimore altrettanto belle, ospitali e ricche di significati anche di carattere culturale. Ma non vogliamo fermarci qui - aggiunge Mauri - Sabato 7 maggio saremo a Merate per aprire al pubblico le nostre ricchezze con una sorta di mercatino in cui sarà possibile assaggiare e acquistare i prodotti della nostra agricoltura e prima dell'estate con un evento dedicato ai bambini».

Fortunato Trezzi: "Il cibo è fatto di storie di uomini ed imprese depositarie di saperi e tradizioni"

«L'evento di Calco è stato la prova evidente del ruolo che l’agricoltura riveste in una ristorazione di qualità, ed è un ruolo importantissimo - dichiara Fortunato Trezzi, presidente Coldiretti Como Lecco, evidenzia invece come - Oggi la cucina italiana si richiama sempre più al territorio e alla sua narrazione. Il cibo è fatto di storie di uomini ed imprese depositarie di saperi e tradizioni. Il filo che lega l’agricoltura al territorio è stretto, il ruolo delle aziende agricole strategico, come si è visto nei due anni di pandemia dove l’agricoltura del territorio non si è mai fermata e ha sempre garantito il cibo. In questa bella serata è emerso il nostro orgoglio di 'essere agricoltori', oggi alla guida di imprese che hanno saputo trasformarsi e crescere nel segno della multifunzionalità».

Gallery

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I cuochi contadini conquistano i comuni dell'Adda: "Valorizziamo i prodotti del territorio"

LeccoToday è in caricamento