Appello per Lecco, Musumeci: "Nessuna competizione con Pd su cultura"

La portavoce della civica chiarisce: "Non ha senso parlare di battaglia all'interno di una coalizione"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Apprendo dalla stampa locale che Appello per Lecco e Pd sarebbero in competizione sulla questione culturale in città.

Premettendo che esiste un Assessore preposto a questo che sta facendo un buon lavoro, Simona Piazza, a cui va la mia stima personale e quella dell'Associazione, ci tengo, come portavoce a sottolineare tre questioni.

La prima è che Appello per Lecco non si è accorta della cultura solo ora e solo in fase pre elettorale o post elettorale allo scopo di racimolare o mantenere voti. Appello per Lecco nasce proprio come associazione culturale che negli ultimi anni non si è limitata a "pulire" o rimettere a posto statue, isole o monumenti – e sì, stiamo per tirare una riga metaforica sul compimento dei lavori alle fontane dello Stoppani, avendo già altri obiettivi molto ambiziosi da raggiungere. Chi si ferma è perduto -, ma si è fatta portavoce di dibattiti confluiti in convegni e conferenze eterogenee.

La seconda cosa che mi preme sottolineare, come detto anche sabato scorso durante l'assemblea di Appello per Lecco, è che, sebbene ApL abbia fortemente caldeggiato l'operazione di restauro della statua del Manzoni e si sia spesa nella ricerca dello sponsor, l'operazione è da accreditare allo sponsor stesso che opererà sotto l'egida del Comune e dell'Associazione dei Musei. Diamo, dunque, a Cesare ciò che è di Cesare.

Premettendo, infine, che la competizione sana porta sempre al miglioramento, per ApL la mission principale è vedere la nostra città florida, sana, competitiva con il mercato, attraente nei riguardi degli investitori e non solo dei turisti, ergo se il Pd, il Comune o le associazioni del territorio segnano dei goal a favore della nostra città, Apl ne esulta con fanatico entusiasmo.

Ergo non ha proprio senso, soprattutto, in questo caso, all'interno di una coalizione politica parlare di battaglia sul versante cultura. L'unica battaglia possibile è andare nella direzione dell'eccellenza. In tutti gli ambiti.

La portavoce di Appello per Lecco
Viviana Musumeci

Torna su
LeccoToday è in caricamento