"Bione" ancora chiuso, Nigriello: «La barra sulla riqualificazione è dritta». Il 22 la riapertura

L'assessore comunale allo sport spiega, in un breve video, lo stato dei lavori: terminato il campo in erba sintetica, ripartono anche i lavori sulla pista

 

Si torna a parlare del centro sportivo comunale "Al Bione" di Lecco. Terminata la fase acuta dell'epidemia di Covid-19, l'impianto comuale non ha ancora riaperto i battenti all'utenza: lunedì 22 giugno le porte di via Buozzi dovrebbero ridar vita al servizio pubblico, come emerso da un incontro tra il Comune e InSport. Nel frattempo prosegue l'intervento di riqualificazione da 2,8 milioni di euro, fortemente rallentato dall'emergenza sanitaria: terminato l'intervento di conversione del manto, da naturale a sintetico, del campo "1", si attende solamente l'omologazione per renderlo fruibile a tutti gli effetti, così com'è stata terminata la realizzazione della rete fognaria esterna; a breve, inoltre, ripartirà il cantiere della pista d'atletica che attorna il campo da rugby. Per quanto riguarda gli spogliatoi dei campi "3-4-5", invece, la gara d'appalto dovrà essere nuovamente assegnata dopo i problemi avuti con la prima impresa vincitrice.

L'assessore comunale allo sport Roberto Nigriello ha fatto il punto della situazione attraverso un breve video diffuso tramite il canale YouTube del Comune di Lecco: «Qualcosa è pronto - ha detto - altro è ancora in lavorazione. Abbiamo incontrato non poche difficoltà, ma la barra sull'obiettivo resta dritta e ben salda su questa riqualificazione. È una prima pietra, certo, ma dopo quasi vent’anni il Comune mette mano al più grande impianto sportivo cittadino».

Per quanto riguarda il bando per il project financing, invece, la prima procedura è andata deserta.

Potrebbe Interessarti

Torna su
LeccoToday è in caricamento