"Un Giir per tutti" con la versione "Young" della corsa di Premana

La sera della vigilia i giovanissimi atleti (0-9 anni) potranno cimentarsi nella corsa di via Roma

"Un Giir per tutti", questo potrebbe essere lo slogan del Giir di Mont 2019; in aggiunta alle già anticipate novità riguardanti il percorso, i cancelli orari, i tesseramenti e le iniziative dedicate agli amatori (prima fra tutte il CAMP Team di Mont), il comitato organizzatore ha previsto per la 27esima edizione della gara premanese un coinvolgimento di atleti di tutte le età.

Insieme per Gloria e Samuel: la serata benefica di Premana prende forma

Il Giir di Mont 32 Km limita, infatti, la partecipazione alle categorie Promesse, Senior e Master, mentre il Mini Giir 18 Km è aperto anche agli Juniores (2000/2001). Come ormai da tradizione, la sera della vigilia sarà proposta lungo la Via Roma una simpatica gara per i piccolissimi, un appuntamento imperdibile per atleti da 0 a 9 anni.

"Giir di Mont Young": il percorso

Per ovviare al mancato coinvolgimento dei giovani atleti della fascia intermedia, per il 2019 si è pensato di aggiungere una gara nel tardo pomeriggio di sabato 27, dedicata alle categorie giovanili (2002-2009): un Giir di Mont Young che, su un percorso della lunghezza di circa 2 km, porterà gli atleti lungo sentieri che circondano il paese di Premana, fino all’emozionante arrivo in piazza della chiesa, garanzia della presenza di pubblico e di top runner pronti ad applaudire il futuro della corsa in montagna.
La gara prevedrà una differenziazione in categorie (maschili e femminili) per età; sarà una corsa non competitiva per la quale occorrerà il consenso dei genitori. È previsto un gadget per tutti i partecipanti e, per coloro che si sapranno distinguere, l’onore della ribalta con la premiazione sul podio del Giir di Mont in piazza, al cospetto di coloro che saranno protagonisti il giorno successivo.

"Giir di Mont": presentata la ventisettesima edizione della Skyrace di Premana

Insomma, l’ennesimo tentativo dei premanesi di dimostrare il calore di un paese amante dello sport, che crede nella capacità educativa della sana competizione e nella necessità di apertura del mondo della corsa a chiunque voglia cimentarvisi, confrontandosi con se stesso prima ancora che con gli altri.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La calolziese Silvia protagonista di una delle più importanti fiere d'arte contemporanea d'Italia

  • Tragedia a Venezia. Imbarcazione si schianta: morto il recordman Buzzi, ferito Invernizzi

  • Tragedia di Venezia: Nicolini è la seconda vittima lecchese. Invernizzi sotto osservazione

  • Valmadrera: si cerca Cesare Piras, visto l'ultima volta in città

  • Addio al genio Fabio Buzzi: ha scritto la storia della motonautica

  • Calolzio: gratta e vince 100.000 euro nella tabaccheria del centro

Torna su
LeccoToday è in caricamento