Martedì, 21 Settembre 2021
Attualità Calolziocorte / Piazza Vittorio Veneto

A Calolzio 118 attività hanno richiesto il contributo di 1.000 Euro, a breve il verdetto

L'assessore Cristina Valsecchi: «Un aiuto concreto per chi ha dovuto chiudere durante le restrizioni anti Covid. Gli uffici stanno verificando il rispetto dei requisiti contenuti nel bando. Risponderemo a tutte le domande entro il 20 dicembre»

L'assessore Cristina Valsecchi.

Ora i dati della partecipazione al bando sono ufficiali: 118 attività hanno presentato domanda per ottenere il bonus di 1.000 Euro deciso dal Comune di Calolziocorte a sostegno di commercianti e artigiani che hanno dovuto chiudere durante le restrizioni anti Covid.

Circa 100 aiuti

Le richieste che verranno accettate saranno un centinaio, come annunciato. Gli uffici municipali stanno verificando il rispetto (o meno) dei requisiti richiesti per dare il via libera al contributo a coloro che ne hanno diritto. Entro domenica 20 dicembre gli addetti provvederanno a scrivere una mail di risposta o comunque a contattare tutti gli interessati dicendo loro se la domanda sia stata accettata o meno. Le bocciature dovrebbe essere molto poche. I fondi verranno erogati a gennaio direttamente sui conti correnti degli esercenti e degli operatori economici aventi diritto in base al codice Ateco. 

Calolzio, c'è il bando: fino a 1.000 Euro per ogni attività costretta alla chiusura nel lockdown

Il verdetto del bando deciso dall'Amministrazione per aiutare le categorie economiche calolziesi provvisoriamente chiuse durante il lockdown di marzo aprile e durante la recente zona rossa regionale, è stato illustrato oggi dall'assessore Cristina Valsecchi in municipio alla presenza del sindaco Marco Ghezzi e dei colleghi di Giunta. 

L'erogazione a gennaio direttamente sui conti correnti degli aventi diritto

«Ringrazio il sindaco per aver appoggiato questa proposta dando il via libera allo stanziamento complessivo di 100.000 Euro, e gli uffici comunali per il lavoro fatto nella preparazione del bando e nella verifica dei requisiti in base ai Codici Ateco e ai corretti pagamenti di Imu e Tassa Rifiuti - ha dichiarato Cristina Valsecchi, assessore a Eventi, Associazioni e Protezione civile - Il Comune ha fatto dunque il possibile per dare un aiuto concreto in un momento difficile, visto l'elevato numero di richieste vuol dire c'era la necessità di avere un contributo diretto. Con questa iniziativa abbiamo cercato di rendere un po' migliore il Natale di tanti commercianti e operatori economici della nostra città».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Calolzio 118 attività hanno richiesto il contributo di 1.000 Euro, a breve il verdetto

LeccoToday è in caricamento