menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

«Se i bambini non vanno a scuola, la scuola arriva a casa», l'iniziativa delle maestre conquista genitori e piccoli

Le insegnanti della scuola dell'infanzia di Foppenico on the road per stare vicine ai bimbi in periodo di Dad. Consegnato un kit a sorpresa, tanti i messaggi di grazie ricevuti

"Se i bambini non vanno a scuola, la scuola arriva a casa". Questo il messaggio lanciato dalle maestre della scuola dell'infanzia di Foppenico, a Calolziocorte, protagoniste di un'iniziativa molto apprezzata per stare vicine ai loro piccoli alunni in queste giornate di didattica a distanza decisa in base alle restrizioni di constrasto al covid. Le insegnanti hanno così preparato un kit ecologico da consegnare direttamente a casa dei piccoli e delle loro famiglie, sempre nel rispetto di normative e distanziamenti, partendo dalla sede di parco Allende.

Ben 44 i bambini raggiunti nella giornata di ieri, rigorosamente "on the road" con un furgoncino recuperato dalle stesse maestre per la loro missione. Per i piccoli e i loro genitori è stata una sorpresa molto gradita, come dimostrano gli sms e le mail di ringraziamento che hanno ricevuto le promotrici dell'iniziativa.

Di Cioccio maestra asilo Foppenico-2

A spiegarci come è nata l'idea di questa visita porta a porta, illustrandoci il contenuto del kit, è stata la coordinatrice della scuola dell'infanzia di Foppenico, Silvia Di Cioccio (nella foto sopra). «Siamo in un periodo di didattica a distanza e anche in questa fase delicata abbiamo cercato di stare vicini almeno idealmente ai nostri piccoli alunni con questa visita a sorpresa - sottolinea Silvia Di Cioccio - L'iniziativa rientra nella filosofia della nostra scuola, quella di rendere i bambini più autonomi e soprattutto di non lasciarli da soli davanti ai computer, alla televisione e ai cellulari, favorendo invece una sorta di educazione alla natura e nella natura, anche con giochi green».

Scuola 2-3-6

All'ingresso dell'asilo c'è infatti uno spazio dedicato all'orto e al verde dove i piccoli vengono accolti la mattina, in un'ottica di didattica outdoor. «Questo vuol dire apprendere molto più in fretta e avere capacità maggiori da spendere in futuro - aggiunge la coordinatrice - Quindi anche in dad cerchiamo di stimolare, di dare degli input ai bambini di modo che riescano a fare delle esperienze a casa non dedicandosi solo ai mezzi tecnologici. Questi di per sè non sono un male, anzi... Ma occorre misura. Usano già tanto e fin da pochi anni di età cellulari e pc, una situazione incrementata dalla Dad. Abbiamo pensato allora di realizzare dei sacchetti contenenti dei materiali per giocare e fare attività green anche a casa o all'aperto: abbiamo messo alcuni giochi, un vaso, dei semi e della terra per piantare delle piantine, qualche gessetto per realizzare disegni con i quali "colorare" parchetti o quartieri, e poi un taccuino per registrare tutte le loro esplorazioni in natura, gli indizi della primavera, le impressioni legate a queste giornate lontane da scuola».

Kit 1-2

Un omaggio risultato molto gradito a bambini e genitori. «Siamo partiti alle 13 e rientrati dopo le 18, raggiungendo le abitazioni di tutti i nostri piccoli alunni, 42 a Calolzio, uno a Olginate e uno a Carenno, tutto rigorosamente on the road - aggiunge Chiara Malaspina - È stato bellissimo, abbiamo avuto ottime reazioni sia dai genitori, sia dai bimbi, e perfino da altre persone estranee che ci hanno viste arrivare. Saluti dalle finestre, dai balconi, si è sentita nell'aria l'importanza della scuola, e quindi è stato tutto molto bello ed emozionante anche per noi maestre. I bambini non sapevamo che saremmo andati a trovarli, per loro è stata una sorpesa, Alcuni ci dicevano: "Come avete fatto a trovarmi?". Insomma: la scuola che va dai bambini, è stato poprio così». 

Melodie e testimonianze, il video degli alunni della scuola Manzoni dedicato alla Giornata della Memoria

Insieme a Silvia Di Cioccio e a Chiara Malaspina, le altre maestre che hanno partecipato all'iniziativa sono state Benedetta Tempesta, Alessandra Gambarina, Linda Losa, Mara Bonfanti e Angela Spanò. A loro oggi sono arrivati messaggi di ringraziamento da parte dei genitori anche a nome dei loro piccoli. "Grazie per la bella sorpresa... ho pianto per un'ora, davvero bellissimo", oppure "Un grazie da tutte le mamme per ciò che avete fatto oggi e che fate sempre, non è scontato", e ancora "I miei bimbi sono contentissimi per avervi viste" sono solo alcune delle tante mail e dei whatsapp di ringraziamento comparsi oggi su  computer e cellulari delle maestre di Foppenico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Attualità

Al via in Lombardia treni solo per passeggeri "Covid tested"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento