menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sulla cava del Magnodeno non si decide: altre due settimane per studiare le carte

Manca il parere tecnico di Arpa, atteso entro il 12 maggio

Un nuovo rinvio per la conclusione dell'iter legato alla possibile concessione dell'autorizzazione che consentirebbe a Unicalce di ampliare il fronte delle cava Vaiolo Alta sul Magnodeno. La terza riunione Conferenza dei Servizi convocata dalla Provincia di Lecco per la giornata di venerdì 30 aprile ha preso in esame gli aggiornamenti, i chiarimenti e le valutazioni dei vari soggetti, pervenuti in data 26, 28, 29 e 30 aprile, ma ha dovuto optare per un nuovo rinvio.

Come fatto sapere da Villa Locatelli, infatti, «si è ritenuto opportuno concludere il procedimento una volta acquisito il contributo tecnico di Arpa (atteso entro il 12 maggio, ndr) e di formulare la decisione finale in merito alla realizzazione e all’esercizio del progetto nella prossima riunione convocata per venerdì 14 maggio alle 10, durante la quale gli enti formuleranno gli atti di competenza nel rispetto dei termini procedimentali».

I punti di vista

Lecco Merita-Forza Italia: «Il Comune non faccia come Ponzio Pilato sulla cava del Magnodeno»

I sindacati: «"Si" all'ampliamento chiesto da Unicalce. Lavoro e ambiente possono coesistere»

Wwf e Legambiente: «La politica unita deve dare una risposta. Servono decisioni coraggiose»

L'azienda: «Unicalce s'impegna per uno sviluppo sostenibile»

Ampliamento della cava sul Magnodeno: tutti i "perchè" del Comitato sul "no" alla richiesta di Unicalce

Appello per Lecco: «Anche sul Piano Cave non c'è una posizione politica della maggioranza»

Rifondazione: «Bocciare la richiesta di Unicalce»

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento