menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aggredita mentre corre sul lungoadda: «Mi ha spruzzato dello spray urticante in faccia»

Una 32enne calolziese stava facendo jogging al Lavello quando è stata raggiunta da un uomo che avrebbe cercato di derubarla: «Sono riuscita a scappare, grazie ai Carabinieri e ai Volontari del Soccorso per avermi aiutata»

«Oggi verso mezzogiorno sono stata aggredita al Lavello nei pressi del ponte pedonale vicino a quello della ferrovia. Mi è stato spruzzato dello spray urticante in faccia, sull'occhio e sulla bocca. Nonostante questo spray mi abbia frastornata, sono per fortuna riuscita a scappare. Scrivo questo post per avvertire chiunque passi in quella zona di prestare attenzione. Dato che vedo tante ragazze che vanno a correre lì, volevo consigliare loro di stare attente, non andate da sole. Ringrazio i Carabinieri di Calolziocorte e i Volontari del soccorso che mi hanno aiutata per il loro tempestivo intervento».

A raccontare il grave episodio accaduto oggi sul lungoadda a Calolziocorte è una 32enne residente in zona. Nel pomeriggio M.R. ha pubblicato un post su Facebook per suggerire a tutti, in particolare alle ragazze, di prestare la massima attenzione. Ad avvicinarla sarebbe stato un uomo, probabilmente con l'intento di derubarla. La donna è riuscita a fuggire tenendo con sè portafoglio e cellulare con il quale ha poi dato l'allarme.

A suo carico pendeva una condanna risalente al 2018: pregiudicato arrestato a Calolzio dai carabinieri

Sul posto si sono subito portati in codice giallo i Volontari del Soccorso di Calolziocorte e i Carabinieri. La 32enne è stata curata inizialmente sul posto, nei pressi del santuario del Lavello, e poi trasportata in codice verde in ospedale a Lecco per accertamenti.

Grande lo spavento per la ragazza e molte le attestazioni di solidarietà espresse nei suoi confronti anche sui social. Ora toccherà alle forze dell'ordine cercare di individuare il responsabile dell'aggressione. Intanto c'è preoccupazione per un episodio avvenuto in una zona molto frequentata (ora meno per le restrizioni anti covid) da parte di runner, famiglie o persone intente a fare una passeggiata lungo l'anello dell'Adda con Olginate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento