Lombardia, l'Unione degli studenti: «Non chiudete la scuola»

L'associazione studentesca boccia la didattica a distanza “alternata” prevista nell'ultima ordinanza regionale: «Vogliamo lezioni in presenza, in sicurezza e di qualità. Il virus si diffonde fuori dagli istituti, a partire dai mezzi pubblici strapieni»

La didattica a distanza “alternata” emanata dal governatore Fontana non piace all'Unione degli Studenti che contestano la decisione della Regione di fare un passo indietro sacrificando la scuola. Il provvedimento regionale di "chiusura a metà" interessa la Lombardia e quindi anche il territorio Lecchese. 

Come ricordato dai portavoce regionali dell'associazione studentesca, il presidente Fontana ha annunciato ieri la richiesta di una didattica a distanza parziale per alcune classi. La proposta è quella di una “alternanza scuola-casa”, con uno scaglionamento degli ingressi alle lezioni. «L’ordinanza - attacca Giulia Convertini dell’Uds - non solo getta ancora più nel caos la popolazione scolastica, ma non tiene conto del fatto che già troppi istituti stanno facendo lezione a distanza, a causa dei mancanti finanziamenti di Governo, Regione, enti locali».

«I vecchi computer? invece di buttarli diamo loro una sceonda vita per donarli alle scuole»

La Dad infatti non è mai scomparsa. «Le nostre scuole - continua il coordinatore di Uds Lombardia Ludovico Di Muzio - non possono essere capro espiatorio della società. Fino a pochi giorni fa solo lo 0,08% degli studenti è rimasto contagiato, il virus - nonostante la mancanza di fondi e spazi in diverse scuole che già prima del lockdown erano malmesse - si diffonde fuori dalle scuole. Sui bus strapieni, nei treni e nelle metro stracolme. Nei posti di lavoro in cui non si forniscono misure di sicurezza adeguate. La didattica a distanza non funziona e aumenta le diseguaglianze: dev’essere l’ultima spiaggia. Il governo nazionale e quello regionale non possono ignorarci».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per sostenere le loro tesi, gli studenti hanno deciso di mobilitarsi con due iniziative: lunedì 19 ottobre, ore 17:00, "Priorità alla Scuola" con presidio sotto il palazzo di Regione Lombardia; venerdì 23 ottobre per “#FACCIAMOCISENTIRE” la mobilitazione nazionale dell’Unione degli Studenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viveva legata a un calorifero: le guardie ecozoofile salvano il pitbull Maya

  • Covid-19, nuova ordinanza regionale: nuove regole per bar e ristoranti, "stop" alle competizioni dilettantistiche da contatto

  • Il governatore Fontana firma l'ordinanza: stop a movida e allo sport dilettantistico

  • Covid-19, i numeri del "Manzoni": occupato l'ottanta per cento dei posti nei reparti ad-hoc. Piena la terapia intensiva

  • Auto sfonda il guard rail e precipita da uno dei tornanti della vecchia Lecco-Ballabio

  • Covid-19: tamponi in ospedale, code fuori dalla hall e attesa fino a più di due ore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento