menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le piantine dissequestrate a Mandello

Le piantine dissequestrate a Mandello

La canapa era "legale": riconsegnate 136 piantine sequestrate

La coltivazione era stata posta sotto sequestro dai militari a metà settembre. Le analisi avrebbero riscontrato un THC estremamente basso, compatibile con la "canapa industriale"

La canapa non violava la legge. Ed è stata riconsegnata ai legittimi proprietari. È quasi grottesco, ma assolutamente ordinario - nei termini di legge - quanto accaduto a Mandello del Lario.

Lo scorso mese di settembre, a ridosso della SS36, i Carabinieri avevano provveduto al sequestro di 163 piantine di cannabis dell'altezza compresa tra uno e tre metri. Dai successivi accertamenti, però, è emerso che il quantitativo di THC presente nelle piantine è estremamente basso, sotto i parametri previsti dalla legge. Si tratterebbe dunque di "canapa industriale" assolutamente in regola.

Maxisequestro di cannabis a Mandello

Sul motivo per il quale l'esistenza di questa piantagione sia sfuggita alle istituzioni è il sindaco di Mandello Riccardo Fasoli. «La legge non prevede che queste coltivazioni vadano denunciate al Comune di residenza piuttosto che alle forze dell'ordine - ha spiegato il primo cittadino - Ma va da sé che, senza un cartello o un'adeguata informazione sul posto, è impossibile sapere che si tratti di canapa industriale, quindi i Carabinieri hanno fatto il loro lavoro». Nelle prossime settimane potrebbero seguire ulteriori accertamenti sulla composizione del principio attivo delle piantine.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento