Cronaca

Omicidio di Olginate, Valsecchi condannato a 19 anni e 4 mesi

La sentenza al termine del rito abbreviato. Il 55enne calolziese aveva freddato la vittima, Salvatore De Fazio, con tre colpi di pistola

Il luogo della sparatoria avvenuta a Olginate il 13 settembre 2020.

Il Pm aveva chiesto 20 anni, il giudice lo ha condannato a 19 anni e 4 mesi di carcere. Questa la pena a carico del calolziese Stefano Valsecchi, 55 anni, reo confesso per l'omicidio di Salvatore De Fazio, ucciso con tre colpi di pistola il 13 settembre dello scorso anno a Olginate, nei pressi della sua abitazione tra via Santa Maria e via Albegno.

Sparatoria a Olginate, morto l'uomo colpito nell'agguato

Nel tardo pomeriggio di ieri è arrivata la sentenza di primo grado da parte del Tribunale di Lecco, al termine del rito abbreviato. Tre i capi d'imputazione a carico di Stefano Valsecchi. Oltre all'omicidio volontario di Salvatore De Fazio - ma senza premeditazione - anche il tentato omicidio di Alfredo De Fazio, fratello della vittima, ferito da un proiettile e poi sopravvissuto dopo essere stato ricoverato in gravi condizioni, e il porto illegale di arma da fuoco.

Il delitto era scaturito a seguito di un regolemento di conti: Stefano Valsecchi, residente a Calolzio, aveva raggiunto armato di pistola Salvatore De Fazio (47 anni) a Olginate per vendicare l'aggressione che suo figlio aveva subito la sera precedente da parte del figlio dello stesso De Fazio. Il calolziese - che all'epoca dei fatti si era consegnato alle forze dell'ordine dopo otto giorni di latitanza - aveva dichiarato di essere andato a Olginate non con l'intento di uccidere, ma solo di "chiarire" quanto avvenuto tra i giovani. Tre colpi di pistola sparati da Valsecchi raggiunsero al volto e al torace Salvatore De Fazio, senza lasciargli scampo.

Omicidio di Olginate, dopo 8 giorni Stefano Valsecchi si è costituito

Oltre allo sconto di un terzo della pena per il rito abbreviato, a Valsecchi sono state riconosciute le attenuanti generiche. Nella sentenza il giudice Salvatore Catalano ha stabilito anche i risarcimenti per le parti civili, circa 500.000 euro a favore dei parenti e del fratello dell'uomo ucciso. Momenti di tensione all'uscita dell'imputato dall'aula del tribunale, dove alcuni famigliari della vittima hanno espresso il loro forte disappunto per una condanna che hanno ritenuto troppo lieve.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio di Olginate, Valsecchi condannato a 19 anni e 4 mesi

LeccoToday è in caricamento