Cronaca Mandello del Lario

Feste in abitazioni private con alcol, musica e assembramenti: surreale weekend a Mandello

Ragazzi violano le norme anticovid: dopo essere stati ammoniti dal sindaco sabato sera, replicano domenica. Fasoli: «Accertamenti su chi concede case o caselli in affitto»

Feste a base di alcol e assembramenti in abitazioni private, spesso prese in affitto, o in casolari abbandonati. A Mandello il calice della pazienza è colmo. Nel weekend gli ultimi episodi di una lista ormai lunga in questo periodo di lockdown. Nonostante i divieti imposti dalla zona arancione, infatti, sabato un gruppo di ragazzi, circa una quindicina, si è ritrovato a Somana per una festicciola che si è protratta per ore, con musica alta e schiamazzi. A intervenire è stato lo stesso sindaco Riccardo Fasoli, ma i ragazzi non si sono affatto pentiti e, domenica, hanno addirittura concesso il "bis".

Serata alcolica nel Lecchese: doppio intervento di soccorso in provincia

«È una problematica ricorrente e non più tollerabile - spiega il primo cittadino - Non è questione di fare i bacchettoni, sono situazioni che abbiamo vissuto tutti, ma ora non possiamo permettercele. Nella normalità lo capiremmo tutti, adesso no. È successo due sere di fila. Ciò che mi lascia perplesso e arrabbiato, al di là della mancanza di rispetto delle regole e di empatia verso chi patisce le conseguenze del covid, è l'assenza del seppur minimo sentimento di vergogna. Dopo essere stati ammoniti, i ragazzi hanno lasciato passare qualche minuto per poi riattaccare, facendo la stessa cosa il giorno seguente, tra l'altro con giustificazioni assurde. Una presa in giro. Ai miei tempi sarebbero andati tutti a casa. Abito nelle vicinanze e io stesso ho sentito il trambusto. Alcuni di loro avevano certamente bevuto troppo».

Il fenomeno non è da ridurre a semplici "bravate": capita sempre più spesso, infatti, che siano utilizzati vecchi caselli di montagna o addirittura case in affitto. In queste feste, ovviamente, nessuna normativa anticovid viene rispettata. «Non possiamo più tollerarlo - prosegue Fasoli - per tutela delle famiglie attorno che non escono di casa e si attengono alle regole. Ci è stato segnalato un appartamento privato che più volte sarebbe stato dato in affitto a compagnie di ragazzi. D'ora in avanti faremo accertamenti e ognuno si prenderà le proprie responsabilità».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Feste in abitazioni private con alcol, musica e assembramenti: surreale weekend a Mandello

LeccoToday è in caricamento