rotate-mobile
Economia

"Professionisti insieme per il terremoto", al via la raccolta fondi di EPAP

I fondi saranno gestiti direttamente e destinati alla realizzazione di un bene necessario e immediatamente fruibile dalle popolazioni colpite

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Un conto corrente presso la Banca Popolare di Sondrio, intestato all'Epap e denominato "Professionisti insieme per il terremoto", su cui far affluire versamenti e donazioni destinate alla realizzazione di beni reali e immediatamente fruibili dalle popolazioni colpite dal sisma. È questa l'iniziativa concreta lanciata da Stefano Poeta, presidente dell'Ente di previdenza di Attuari, Chimici, Dottori Agronomi e Dottori Forestali e Geologi, con una "lettera aperta" agli iscritti.

La decisione è nata dal confronto, avviato subito dopo le prime notizie sulla devastazione provocata dal terremoto, tra Poeta e i presidenti dei Consigli nazionali delle categorie professionali: Andrea Sisti per i Dottori Agronomi e Dottori Forestali, Franco Peduto per i Geologi, Giampaolo Crenca per gli Attuari, Nausicaa Orlandi per i Chimici. «I presidenti – ha dichiarato Stefano Poeta - hanno subito condiviso la volontà di intraprendere azioni concrete, manifestando ancora una volta lo spirito solidaristico che caratterizza il popolo italiano e il mondo delle Professioni».

Sul conto corrente aperto presso la Popolare di Sondrio potranno affluire versamenti volontari da parte dell'Epap, degli Ordini professionali (per il tramite dei Consigli Nazionali) e di singoli iscritti. È stato prioritariamente stabilito che i fondi saranno gestiti autonomamente e congiuntamente dall'Epap e dai Consigli nazionali, quindi non devoluti a enti o associazioni esterne. Saranno destinati alla realizzazione di un bene necessario e immediatamente fruibile dalle popolazioni, la cui natura dipenderà dall'importo che risulterà disponibile.

I professionisti iscritti saranno costantemente aggiornati, nella massima trasparenza, sull'andamento della contribuzione: verrà infatti segnalato settimanalmente sul sito dell'Epap (www.epap.it) l'importo raggiunto. A conclusione della raccolta verrà comunicata la decisione assunta in merito alla tipologia del bene, ai costi e ai tempi di consegna.

Come già in passato, l'Epap è pronto a intervenire a favore degli iscritti direttamente colpiti dal sisma. Il regolamento dell'Ente prevede infatti la possibilità di erogare particolari sussidi a supporto di quanti abbiano subito danni materiali a causa di calamità naturali.

Sin dalle prime drammatiche notizie sul sisma i vertici dell'Epap e degli Ordini professionali di Attuari, Chimici, Dottori agronomi e Dottori forestali e Geologi avevano preannunciato iniziative e misure straordinarie a sostegno delle popolazioni colpite.

«Esprimiamo il nostro cordoglio per le vittime e la nostra vicinanza alle popolazioni delle zone terremotate. In una situazione tanto drammatica abbiamo voluto offrire nei tempi più stretti possibili – ha dichiarato il presidente dell'Epap, Stefano Poeta – un aiuto concreto. Tutti i nostri iscritti che hanno subito distruzioni e danneggiamenti potranno contare sul supporto finanziario dell'Ente per poter riprendere al più presto, con i loro collaboratori, l'attività professionale che sono stati forzatamente costretti ad interrompere».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Professionisti insieme per il terremoto", al via la raccolta fondi di EPAP

LeccoToday è in caricamento