Profughi nel Lecchese: «la Lega sta giocando con il fuoco»

Il comunicato di Appello per Lecco

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

In un momento difficile e problematico come questo occorre mantenere il senso di responsabilità e di lealtà verso le istituzioni che si rappresentano.

Parlare alla pancia della propria comunità per raccogliere un po' di consenso non è ne responsabile e tantomeno lungimirante.

L'accoglienza diffusa è un sistema che permette a tutti di contenere potenziali disagi sia per gli immigrati e i profughi, che per i cittadini.

Una formula di mutuo soccorso che se applicata correttamente decrementa tensioni pericolose e aumenta il livello di responsabilità, accoglienza condivisa e civiltà di un intero territorio.

Le resistenze, le barricate e i presidi, alzare muri e la voce, in questo momento, come sta facendo la Lega è sinonimo di immaturità politica, di una concezione egoistica e anacronistica.

Si sta giocando con il fuoco e sulla pelle dei più deboli, ma non abbiamo dubbi, prima o poi, a rimanere scottati saranno quelli che, oggi, anziché collaborare a portare un progetto di solidarietà all'interno delle loro comunità, condiviso dalla istituzioni territoriali, si attardano con barricate strumentali e posizioni fuorvianti.

Appello per Lecco

Torna su
LeccoToday è in caricamento