rotate-mobile
Domenica, 25 Settembre 2022
Politica Germanedo

Infermieri, Gattinoni raccoglie l'appello: “La loro condizione è al limite”

Il primo cittadino di Lecco sposa la linea tracciata da Fabio Fedeli, presidente dell'OPI Lecco - Ordine delle Professioni Infermieristiche

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

“Vi chiedo di ascoltare i professionisti sanitari dopo anni di fatica e senso di abbandono, perché dopo la pandemia a molti proclami non sono seguiti riconoscimenti concreti. Serve un cambio di rotta deciso, altrimenti la carenza attuale di professionisti infermieri rischia di trasformarsi in totale assenza.”

Faccio mio l’appello di Fabio Fedeli, presidente dell'OPI Lecco - Ordine delle Professioni Infermieristiche, che in una lettera accorata si è rivolto a nome di tutti gli infermieri ai candidati del territorio alle prossime elezioni politiche del 25 settembre.

La condizione dei nostri infermieri è al limite: stress, aggressioni e fenomeni di violenza, mancanza di possibilità di progressioni di carriera, abbandono professionale o decisione di lasciare l’Italia per trovare migliori condizioni di lavoro all’estero. L’eliminazione del numero chiuso o l’aumento dei posti all’università non sarà sufficiente a risolvere questa situazione.

È necessario, urgente, ridisegnare la sanità: come Sindaci di centrosinistra l’abbiamo detto durante i mesi più bui della pandemia e pubblicamente in occasione della discussione sulla Riforma della Sanità di Regione Lombardia. La carenza della medicina territoriale, le lunghe liste di attesa e le difficoltà nelle prenotazioni di visite o interventi, la difficoltà di accesso (e di permanenza) nelle professioni sanitarie devono trovare risposte rapide e concrete.

Risposte che invoglino i giovani a scegliere queste professioni e a non abbandonarle, che portino al giusto rapporto infermiere-assistito, che adeguino il numero dei professionisti sanitari riconoscendone e valorizzandone le competenze. Un ruolo il loro che sarà ancor più prezioso con la nascita delle “Case di Comunità”, luoghi d’integrazione del sanitario e del sociale che dovranno affiancare l’imprescindibile presenza dei medici di base nei quartieri e nei rioni, in una rete di sanità di prossimità capace di rispondere ai bisogni sempre maggiori degli anziani, dei fragili, delle persone con disabilità o condizioni di cronicità. Una rete che affianchi le famiglie e non lasci nessuno solo.

Ascoltiamo i nostri infermieri: per una sanità a misura delle esigenze del cittadino, per la dignità del lavoro preziosissimo che svolgono ogni giorno.

Mauro

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infermieri, Gattinoni raccoglie l'appello: “La loro condizione è al limite”

LeccoToday è in caricamento