A Merate nasce il primo asilo per cani stressati dall'emergenza Covid-19

La prima sfida per la giovane educatrice Cecilia Sala sarà la gestione dello stress cinofilo derivato dalla situazione Coronavirus. «La realtà stravolta crea problemi anche a loro»

Cecilia Sala con uno dei cani ospiti

Un asilo, il primo in provincia di Lecco, per gestire con amorevole cura i cani vittime di stress da Covid-19. 

Lo stress del lockdown imposto dall'epidemia di Coronavirus colpisce infatti anche gli animali domestici. Le abitudini dei cani sono cambiate da quando i padroni sono stati costretti a limitare le uscite per le passeggiate quotidiane. Gli animali hanno percepito un'alterazione della loro routine dovuta anche alla presenza dei proprietari nell'abitazione per tutto il giorno, al lavoro tramite lo smartworking adottato da molte aziende.

«Abbattimento di venti alberi a Merate: no a parcheggi, sì a orti didattici»

«La realtà in cui vivono gli amici a quattro zampe è stata completamente stravolta in queste settimane e ciò potrebbe comportare per loro delle conseguenze sul comportamento, soprattutto negli esemplari più giovani», spiega l'educatrice cinofila Cecilia Sala che ha recentemente inaugurato l'asilo per cani Gli Amici di Ceci a Merate. La struttura in via Puecher ha aperto i battenti lunedì 11 maggio, dopo l'autorizzazione del locale dipartimento veterinario dell'Ats, ed è ora pronta ad accogliere gli animali e i loro padroni su appuntamento.

Prosegue Sala: «Avrei dovuto aprire l'asilo Gli Amici di Ceci a metà marzo ma la situazione legata al Covid-19 mi ha costretto a rimandare l'inaugurazione. L’asilo per cani è un’idea nuova e originale che si basa sull'esigenza di molti proprietari di fare in modo che durante la giornata gli animali non debbano trascorrere lunghissime e interminabili ore da soli, nella noia, in attesa del nostro rientro a casa. L'asilo è un posto sicuro con educatori professionisti che può diventare una seconda casa per i cani dove poter ritrovare ogni giorno tanti amici con cui giocare e passare serenamente le giornate».

«Nervosismo tra gli esemplari più giovani»

Le limitazioni dovute all'epidemia mondiale hanno tuttavia fatto emergere nuove esigenze per i proprietari e i loro animali. Continua la maestra dell'asilo: «In alcuni cani, soprattutto i più giovani, è facile notare in questi giorni nervosismo oppure apatia. I due comportamenti, sebbene diametralmente opposti, denotano un'insofferenza dell'animale verso il radicale cambio delle sue abitudini, dovuto alla situazione che tutti stiamo vivendo. Grazie alle certificazioni che ho maturato in ambito cinofilo, offrirò supporto ai padroni insegnando nel centro Gli Amici di Ceci di Merate come rieducare i loro amici a quattro zampe e tranquillizzarli per evitare loro uno stress eccessivo». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cecilia Sala, educatrice e addestratrice cinofila residente a Olgiate Molgora, ha ideato e avviato l'attività Gli Amici di Ceci a 31 anni dopo aver ottenuto il diploma dell'Ente nazionale della cinofilia italiana e essere stata selezionata dalla commissione di "Facciamo un'impresa" nell'ambito del "Programma Virgilio" del Rotary Club. L'asilo per cani Gli Amici di Ceci si trova in via Puecher 1 a Merate, nei pressi dell'ex azienda Laurora, e dispone di un'area verde esterna di proprietà e di un ampio centro gioco interno per gli animali. Per le necessarie precauzioni relative al Covid-19, attualmente è possibile accedere all'asilo dei cani solo previo appuntamento (tel. 351 7474749).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimba ha fretta di nascere, donna partorisce nel tunnel del Monte Barro

  • Olginate: trovato in fin di vita, ciclista muore lungo l'alzaia

  • Giornata flagellata dal maltempo: una quarantina di interventi nel territorio

  • «La vostra sanità funziona e ci ha aiutati», ristoratori egiziani devolvono nuovamente il loro incasso all'ospedale

  • Coronavirus, il punto: nessun caso di positività nel Lecchese, boom di guarigioni

  • Un panino di due metri e un "bollicine" di 9 litri, festa a San Giovanni per il barista Willy

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento