menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una foto della manifestazione che si è tenuta di recente a Lecco contro la Dad. Ora toccherà a Calolzio.

Una foto della manifestazione che si è tenuta di recente a Lecco contro la Dad. Ora toccherà a Calolzio.

Presidio anche a Calolzio per chiedere la riapertura delle scuole in sicurezza

L'iniziativa è promossa per domenica 28 marzo da Simonetta Spreafico: «Tutti invitati nel rispetto delle normative. La Dad non può essere l'unica soluzione»

Anche a Calolziocorte si terrà una manifestazione per dire no alla Dad e per chiedere la riapertura delle scuole in sicurezza. Lo ha annunciato Simonetta Spreafico appartenente al gruppo di genitori "La Scuola è a scuola" al quale fanno capo oltre 700 mamme e papà di Lecco e provincia che nei giorni scorsi hanno esposto manifesti all'esterno dei plessi della città capoluogo incontrando anche gli amministratori locali. L'appuntamento calolziese è per domenica 28 marzo alle ore 15 nel piazzale del Parco Allende.

Zaini e striscioni in piazza: «La scuola è una priorità, chiuderla non può essere l'unica soluzione»

«All'ingresso delle scuole di Foppenico organizzerò un presidio per chiedere maggiore attenzione al mondo della scuola: la formazione e il benessere dei nostri figli devono essere una priorità - spiega Simonetta Spreafico, che ha promosso la manifestazione autonomamente - Le scuole vanno riaperte in sicurezza, la didattica a distanza sta creando infatti molti disagi anche dal punto di vista psicofisico agli alunni, senza dimenticare che gli strumenti online non sono sempre accessibili a tutti e nello stesso modo. Siamo ben consapevoli dei pericoli del covid, chiediamo solo di valutare altre soluzioni che non siano solo una Dad continua».

«Se i bambini non vanno a scuola la scuola arriva a casa», l'iniziativa delle maestre conquista genitori e piccoli

«Per questo invito tutti a partecipare domenica 28 marzio alle ore 15 nel piazzale Salvator Allende. Sarà una manifestazione in sicurezza e nel rispetto delle regole sul distanziamento - conclude la mamma calolziese - Oltre ovviamente alle mascherine chiediamo di portare una coperta per sedersi e distanziarsi, e per fare una merenda insieme». Non mancheranno poi cartelli e manifesti a tema.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Attualità

Cos'è il lasciapassare per uscire dalla Lombardia e spostarsi tra regioni

Attualità

Le 10 meraviglie architettoniche da scoprire nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento