«Scuole chiuse, appoggiamo la protesta di genitori e insegnanti»

Rifondazione Comunista: «Assumere i precari con requisiti, garantire il tempo pieno e prolungato, ridurre gli alunni per classe, sostenere l'edilizia scolastica e le disabilità»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Scuole ancora chiuse! Durante la prima ondata della pandemia le prime a chiudere, le ultime a riaprire!Nonostante le tante promesse e i buoni propositi, un anno dopo siamo punto e a capo. Nessuno screening di massa, nessun ampliamento degli spazi, nessun potenziamento dei trasporti, docenti costretti a organizzarsi con quei pochi strumenti a disposizione.

Non ci voleva una pandemia per farci capire quanto non sia prioritario per questo paese l'istruzione. La scuola, come la sanità pubblica, ha subito notevoli tagli negli ultimi anni e per assurdo con i soldi pubblici è stato sovvenzionato il privato. C'è un silenzio assordante da parte delle forze politiche locali dopo questa ennesima chiusura, che con la didattica a distanza ha reso ancora più difficile questo momento per le famiglie, con genitori che in molti casi non riescono a organizzarsi per curare i figli visto che i congedi parentali tardano ad arrivare. In alcuni istituti vi è anche una carenza di Pc per andare incontro alle esigenze di famiglie che ne sono sprovvisti, in altri addirittura non si è ancora riusciti ad organizzare la didattica a distanza.

Scuola e impresa ai tempi del covid: ciclo di incontri al liceo Parini di Barzanò

Appoggiamo la protesta di genitori e insegnanti che anche nel Lecchese sono scesi in piazza per denunciare queste problematiche e speriamo che questa mobilitazione continui anche nei prossimi anni. Le nostre proposte sono le stesse che promuoviamo da anni: assumere i precari che hanno i requisiti, garantire il tempo pieno e prolungato, ridurre il numero degli alunni per classe non superiore a 15, favorire l'edilizia scolastica, destinare almeno 18 ore settimanali per gli alunni disabili. Queste sono solo alcune delle proposte che crediamo renderebbero la scuola pubblica veramente all'altezza. 

«La scuola è il nostro passaporto per il futuro, poiché il domani appartiene a coloro che oggi si preparano ad affrontarlo», da Malcom X.

Partito della Rifondazione Comunista Lecco

Torna su
LeccoToday è in caricamento