rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Cronaca Varenna

Frana di Fiumelatte, la Regione: "Protezione civile pronta a intervenire"

L'assessore La Russa: "Monitoraggio costante della situazione con la sala operativa". Il consigliere Fragomeli: "Subito un task force per contrastare il dissesto idrogeologico"

Continua lo stato d'allerta dopo la frana di questa mattina a Fiumelatte, con il crollo della volta in galleria e il blocco al transito per veicoli e treni. "La strada provinciale è stata chiusa, sono in corso le verifiche strutturali e la programmazione degli interventi per la messa in sicurezza - conferma Regione Lombardia - La viabilità alternativa è lungo la Statale 36 uscita Bellano a nord e Abbadia Lariana a sud. Bloccati anche i treni lungo la linea Lecco Tirano tra Varenna e Lierna. Non si registrano feriti o danni alle auto".

Sul posto i tecnici della Provincia di Lecco, i vigili del fuoco con il supporto delle squadre speleo alpino fluviale per le verifiche della zona dove si è staccata la frana, forze dell'ordine e tecnici di Rfi. "La protezione civile regionale e i volontari - dichiara l'assessore regionale alla Protezione civile, Romano La Russa - sono pronti per raggiungere il luogo in caso di necessità. Stiamo comunque monitorando costantemente la situazione con la sala operativa regionale".

Crolla la galleria a Varenna: il video

Sul tema è intervenuto anche il consigliere regionale lecchese (Pd) Gian Mario Fragomeli chiedendo cin urgenza una task force per monitorare la situazione e attuare le necessarie contromisure. "Quello che è successo oggi sulla strada 72 a Varenna, a solo un mese dall’ultima frana crollata a Ballabio sulla statale 36, è l’ennesima dimostrazione del fatto che anche nei nostri territori urgono interventi massicci di manutenzione straordinaria e di contrasto al dissesto idrogeologico che devono diventare una priorità in tutta la Lombardia. La giunta Fontana - incalza Fragomeli - deve istituire al più presto una task force che si concentri sulle aree più vulnerabili della nostra regione, convocando tutti i sindaci dei territori coinvolti, per realizzare una mappatura e una scaletta di priorità e deve indire, inoltre, dei bandi ad hoc per i territori colpiti".

"Lunghi periodi di siccità e intense piogge in poco tempo sono due facce della stessa medaglia, sono gli effetti della crisi climatica che non può più essere ignorata - aggiunge Fragomeli - In un’ottica di adattamento ai cambiamenti climatici, abbiamo il dovere di rimettere in cima all’agenda politica di Regione Lombardia e di tutto il Paese la necessità di mettere in sicurezza i nostri territori, senza sprecare ulteriori occasioni e investendo in una seria programmazione per la cura del territorio volta a prevenire proprio il dissesto idrogeologico” conclude Fragomeli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frana di Fiumelatte, la Regione: "Protezione civile pronta a intervenire"

LeccoToday è in caricamento