Covid nelle scuole lecchesi: più di 100 classi in quarantena nelle ultime due settimane

Il dato in provincia di Lecco (fonte Ats Brianza) aggiornato a oggi evidenzia 115 classi con almeno un positivo dall'inizio dell'anno scolastico. Lo scorso 13 ottobre erano una decina

Le scuole sono sicure? Il dibattito impazza da settimane, ancor prima dell'avvio dell'anno scolastico 2020/21, dividendo in fazioni genitori, insegnanti, ragazzi, utenti dei social network. Chi è vicino al mondo della scuola lecchese conosce gli enormi sforzi compiuti dalle dirigenze per riuscire ad adeguarsi alle norme anti-covid e garantire lo svolgimento delle lezioni. Qualche giorno fa, il dibattito è stato rinfocolato dall'ordinanza di Regione Lombardia che ha indicato la via della Dad per gli istituti superiori, mentre medie ed elementari proseguono con la didattica in presenza. A questa, si è aggiunto il Dpcm di Conte firmato domenica che sancisce a livello nazionale la didattica a distanza per il 75% degli istituti superiori.

Conte ha firmato il nuovo Dpcm. Bar e ristoranti chiusi alle 18, alle superiori didattica a distanza al 75%

Pur ipotizzando che le misure di sicurezza messe in campo funzionino, e che il problema principale, come ventilato dalle istituzioni, sia il trasporto pubblico da e verso le scuole, e non la presenza in aula, c'è un dato che va preso in grande considerazione, che evidenzia attraverso la gelida potenza dei numeri lo stato attuale dell'epidemia di covid (rispetto a metà settembre) nonché la difficoltà - per l'intero settore - nel gestire l'anno scolastico in questo preciso momento dell'autunno, e con l'inverno ancora alle porte.

A sabato 24 ottobre 2020, fonte Ats Brianza, le classi delle scuole in provincia di Lecco in cui è stata certificata la presenza di un alunno (o di un insegnante) positivo dall'inizio dell'anno scolastico sono 115. Tutte finite poi in isolamento fiduciario con i ragazzi a casa.

Emergenza Covid-19: in provincia di Lecco una decina di classi in quarantena

Un numero altissimo, che fa ancora più impressione se accostato allo stesso dato relativo allo scorso 13 ottobre 2020, come Lecco Today riportava: solo una decina di classi in quarantena (per la precisione 8, più alcune "pratiche" ancora non completamente risolte). Cosa significa? Nel giro di - nemmeno - due settimane, con la ripresa vigorosa dei contagi anche nel nostro territorio, si sono aggiunte più di cento classi costrette all'isolamento fiduciario, numero che continua ad aumentare di giorno in giorno, causando problematiche di vario genere. E significa di conseguenza migliaia di studenti, bambini e ragazzi, impossibilitati a fruire dell'ordinario servizio scolastico.

Una vera e propria "esplosione" di casi indice che costringe a casa intere classi come previsto dal protocollo, rendendo sempre più complicato lo svolgimento delle lezioni, spesso con comprensibili difficoltà burocratiche, logistiche e di comunicazione tra Ats e istituti, o tra istituti e genitori. Senza dimenticare le numerose assenze negli organici dei docenti, sempre causa positività. Uno scenario che non può essere ignorato e proietta un cono d'ombra enorme sulle prossime settimane.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Giù le mani dalle mogli degli altri»: sui muri bellanesi insinuazioni contro il maresciallo

  • Lecco celebra il patrono San Nicolò

  • Lecco si sveglia in zona arancione: ecco cosa cambia dalla "rossa"

  • Covid, Lombardia verso l'entrata in "zona gialla": cosa cambia

  • Due incidenti distinti alla stessa ora lungo la Statale 36, deceduto un 56enne

  • De Capitani: «Il Dpcm sul Natale divide l'Italia in due. Voglio vedere chi avrà il coraggio di multare»

Torna su
LeccoToday è in caricamento