Consonni: «Sulla Polizia locale l'opposizione scarica le proprie colpe»

Il sindaco di Ballabio replica alle accuse dell'opposizione. «Gran parte della situazione attuale deriva da prassi instaurate quando governavano loro»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Leggo sulla vostra testata fantastiche affermazioni della lista Pontiggia-Deon in un comunicato sul servizio di Polizia locale a Ballabio, motivato dal tentativo di scaricare su questa Amministrazione colpe inerenti il turnover di agenti al servizio di Polizia locale. Faccio, dunque, presente quanto segue. 

1) Mobilità sono state richieste già quando governavano loro: la differenza è che loro hanno sempre negato il placet ai trasferimenti di chi voleva andarsene in altra sede, mentre questa Amministrazione, appena possibile, l'ha sempre accordata; 

2) la rinuncia di alcuni agenti è scaturita dalle prassi instaurate quando governavano loro, ovvero in seguito a conflitti circa le varie mansioni che gli agenti ritenevano non di loro spettanza (dal Suap, all'attività di messo, sino alla gestione delle sale civiche, delle chiavi... ) e che sono state attribuite da loro alla PL di Ballabio. Noi siamo anche riusciti a diminuire tali attività scaricate sull'ufficio di Polizia locale, ma non abbiamo ancora completato questo cambiamento non semplice, perchè la redistribuzione ormai comporta inevitabili problematiche con altri a cui verrebbero assegnate tali incombenze; 

3) il presidio del territorio l'hanno tolto loro, eliminando persino il servizio davanti alle scuole, che noi invece abbiamo ripristinato così come la costante presenza sul territorio, come emerso anche in occasione degli assidui controlli dell'emergenza Covid; 

Ballabio Futura: «Undici vigili in cinque anni sono troppi»

4) è spassoso affermare (e solo pensare) che Ballabio abbia avuto 11 agenti in cinque anni, che poi se ne sono andati chissà perchè: si tratta, infatti, di collaborazioni temporanee richieste in accordo con altri Comuni per rafforzare la presenza soprattutto in periodi particolari, ovvero di agenti in forza ad altre località e dipendenti di altri enti locali, non del nostro e che, ovviamente, tali sono rimasti, sin nella divisa; 

5) esilarante che ora proclamino di voler "ricostituire fin da subito, con personale qualificato, uno degli uffici più importanti del Comune", proprio loro che avevano deciso la riduzione dell'organico a due unità, non operando neppure la sostituzione del responsabile in pensionamento, nominando il qualificatissimo (!) sindaco Pontiggia a capo del servizio, infine assegnando agli agenti lavori di ufficio che non erano neppure di competenza di costoro. 

Comprensibile che la lista Ballabio Futura, subito ribattezzata in paese come Ballabio Fantasy in ossequio alla competenza in materia di fatine del candidato sindaco Manuela Deon, capeggiata dall'ex sindaco Pontiggia con contorno di svariati altri amministratori dei tempi andati, chieda di non guardare al passato, che per i ballabiesi ha ben poco di edificante: purtroppo, però, le conseguenze e le ricadute del loro operato sono ancora di grande attualità.

Il sindaco di Ballabio, Alessandra Consonni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento