A giugno il primo Lecco Pride, +Europa: «Zamperini e Colombo dove vivono?»

La sezione lecchese del partito risponde alle dichiarazioni dei due politici di centrodestra, che avevano definito «una carnevalata» la manifestazione

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

A Lecco il prossimo 20 giugno si terrà il primo Lecco Pride organizzato dall’associazione Renzo e Lucio Glbts. Questa manifestazione ha un valore molto importante in questa fase in cui l’omo-transfobia sta riprendendo piede, in realtà mai scemata, e alla luce dei gravi episodi successi all’Ospedale Manzoni di Lecco e denunciati pubblicamente da Sabrina Di Biase.

La difesa dei diritti e delle libertà individuali non ha confini. Anche Lecco deve essere protagonista nella semina dei valori del rispetto e della inclusione. Bene ha fatto il Comune di Lecco a rilasciare il Patrocinio al Lecco Pride, e sottoscriviamo le parole del Sindaco Brivio laddove ha affermato l’importanza di dare «[…] attenzione a tutte quelle attività che si pongono in contrasto a qualunque forma di discriminazione».

Il primo "Lecco Pride" diventa realtà: battesimo il 20 giugno 2020

Riteniamo invece fuori luogo e becere le affermazioni di chi si oppone a priori allo svolgimento del Lecco Pride con ragioni pregiudiziali e faziose, a essere gentili. Ma soprattutto ci risultano fastidiose quelle frasi che iniziano con “Non ho nulla contro i gay…”, seguite sempre dai “ma” e dai “però”.

«Dove vivono Zamperini e Colombo?»

«Se gli esponenti politici che hanno mostrato contrarietà al Lecco Pride, sentissero le loro parole o le scrivessero su un foglio di carta prima di affermarle, si accorgerebbero della discriminazione, della ottusità e della intolleranza che c’è in quelle loro parole. Ho letto affermazioni che fanno a pugni con la logica del diritto e della libertà individuale. Questi personaggi sono ancora legati alla logica che nella vita privata fai quello che vuoi basta che non lo mostri od “ostenti” in pubblico. Questo consente a tali personaggi di convivere con colleghi con i quali fanno accordi politici che preferiscono nascondere la loro affettività e sessualità, e quindi “tollerarli”, ma guai se si esponessero e dicessero del loro amore per una persona dello stesso sesso. Ecco il Lecco Pride è anche uno schiaffo a chi fa della ipocrisia la sua vita», afferma Luca Maggioni, tesoriere +Europa Lario e Vice Presidente GayLib.

«Ogni tanto quando leggo certe dichiarazioni da parte di politici di certe forze politiche mi chiedo: ma questi dove vivono? E non riesco a darmi una risposta. Per carità, sarà un limite mio, ma nel 2020 mi pare francamente così assurdo che si polemizzi e ci si scandalizzi per la concessione del patrocinio per il primo Pride a Lecco. Giacomo Zamperini e Giovanni Colombo, che parlano rispettivamente di “carnevalate” e di “vergogna”, partecipino almeno una volta a un Pride, ovunque vogliano, potrebbero imparare molto e soprattutto aprire gli occhi, che non è mai troppo tardi: ricordo che siamo a Lecco, Italia, Unione europea, non nell’Iran degli ayatollah o nella Russia di Putin… non ancora, almeno», conclude Luca Perego, coordinatore di +E Lario e membro dell’Assemblea nazionale di +Europa.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento