Vento forte sul Lecchese, il bilancio: cinquanta interventi dei pompieri, salvato un escursionista in Grigna

Il Nucleo speleo alpino fluviale e il Soccorso Alpino hanno salvato la vita di un escursionista in seria difficoltà

L'impalcatura crollata a Pescate (Foto Vigili del Fuoco)

Una lunga serie di interventi ha impegnato per tutta la giornata di martedì 5 febbraio gli uomini del Comando Provinciale dei Vigili del fuoco di Lecco. 

I pompieri, insieme alle squadre del Soccorso Alpino sono state impegnate con una squadra S.A.F. (Nucleo speleo alpino fluviale) per il soccorso di un escursionista sulla Grigna settentrionale. L’allertamento alla Stazione di Valsassina - Valvarrone della XIX Lariana CNSAS è arrivato poco dopo le 14 da parte della Centrale SOREU di AREU. L’uomo, 40 anni, residente nella Brianza lecchese, era bloccato all’altezza del bivacco Merlini, incapace di proseguire. Stava scendendo dal Grignone, ma a causa del fortissimo vento in quota e anche perché non aveva un’attrezzatura adeguata alla situazione non riusciva a proseguire, di conseguenza si è trovato costretto a chiamare i soccorsi. La Centrale ha attivato subito CNSAS e Vigili del fuoco; al momento non era possibile intervenire con l’elicottero, per le condizioni di vento forte. I soccorritori sono saliti con la jeep fino all’Alpe di Pialeral e poi, ben attrezzati per recuperarlo, lo hanno raggiunto a piedi.

Il giovane era nei pressi del vecchio bivacco, molto infreddolito ma illeso. I tecnici gli hanno fornito i ramponi e quanto necessario per scendere in sicurezza, lo hanno legato e accompagnato a valle. «Nelle ultime settimane ci sono stati diversi interventi avvenuti in condizioni simili: l’attrezzatura è fondamentale, i ramponcini non sono adatti a certi tipi di terreno, ci vogliono i ramponi veri e propri. Sulla Grigna le condizioni d'innevamento sono ottimem ma siamo in inverno e quindi è necessario dotarsi di un equipaggiamento adeguato», spiega il Soccorso Alpino.

soccorso alpino bivacco merlini grignone 5 febbraio 2020-2

Vento forte: cinquanta interventi nel Lecchese

A causa del forte vento sono stati svolti più di 50 interventi, la maggior parte dei quali per tetti scoperchiati dal vento, ma è stato necessario mettere in sicurezza una gru crollata, delle piante pericolanti e sedare degli incendi bosco e sterpaglie. In considerazione della distribuzione delle richieste di intervento sono stati impegnati nella giornata di martedì sia gli uomini del Comando Provinciale di piazza Bione, che i volontari dei distaccamenti di Merate, Bellano e Valmadrera, per un totale di più di quaranta pompieri impegnati nelle operazioni di soccorso.

vento lecco 5 gennaio 20202-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel territorio: i danni provocati dal vento

VIDEO | Folate a ottanta chilometri orari e vortici d'acqua: Lecco nella morsa del vento

Vento fortissimo: tettoie e impalcature volano sulla strada tra Pescate e Galbiate

Lungolago: auto distrutta da un albero caduto sulla strada

Pezzo di tettoia si stacca da vecchio stabilimento, colpita auto in transito

Alberi in strada: riaperta a mezzogiorno la SS36 in direzione Nord

Danni da forte vento: a Sala al Barro strappata parte di un tetto, chiuse via Staurenghi e Rimembranze

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel cuore della città: trovato senza vita il Pubblico Ministero Laura Siani

  • Coronavirus, lo studio dell'ospedale di Lecco: «Si può manifestare anche con segni sulla pelle»

  • Gesto estremo al parco Belvedere: tragedia nel rione di Santo Stefano

  • Statale 36: violento incidente a Nibionno, gravi le condizioni di due biker

  • Si ribaltano con l'automobile all'interno dell'Attraversamento: due feriti

  • Morte Siani, gli investigatori sulle cause della scomparsa: «Prevale l'ipotesi del suicidio»

Torna su
LeccoToday è in caricamento