Notizie

Davvero i Vip preferiscono il ramo comasco a quello lecchese del lago?

Abbiamo fatto un giro di opinioni tra operatori turistici e amministratori: «In realtà non è sempre così, il territorio di Lecco ha una sua identità che piace e richiama personaggi famosi. Ma Como può contare di più su ville, brand e tradizione turistica»

John Legend si è sposato sul ramo comasco del lago e ha girato il video di una celebre canzone su quello lecchese.

Stesso lago, stessa location, stessi paesaggi suggestivi pur con le proprie differenze e peculiarità. Eppure i Vip sembrano preferire il ramo comasco a quello lecchese. Dall'acquisto di case alla scelta di ville per i matrimoni, passando per vacanze e shopping. Perchè? Abbiamo provato a chiederlo ad alcuni amministratori di Lecco e dintorni, esperti del territorio e operatori turistici. E abbiamo scoperto che in realtà non è sempre così. Lecco ha infatti una sua identità che piace e richiama personaggi famosi. Il "nostro" ramo viene però preferito per visite brevi tra lago e monti, mentre Como e la sua provincia vengono scelte di più per abitare, per acquistare case vacanza o per eventi in ville di lusso. 

Lago Olcio-2

Una veduta di Bellagio dalla frazione di Olcio a Mandello.

Sposarsi nella suggestiva cornice di Villa Monastero? Ecco quanto costa

«Occorre premettere che Varenna vive le stesse dinamiche, in termini di appeal e caratteristiche, della sponda comasca del lago - precisa innanzitutto Fabio Dadati, presidente del Consorzio Albergatori Lecchesi, consigliere di Federalberghi Lecco e presidente di Lariofiere - Per il resto la differenza significativa tra i due rami del lago consiste nel fatto che Lecco non ha le ville e gli immobili di lusso che ha Como, soprattutto da un punto di vista numerico. Penso a Villa Erba, Villa Olmo e diverse altre. Intendiamoci, questa non è una colpa, è semplicemente così, sia per le caratterostiche morfologiche del territorio, sia per la storica tradizione più industriale del territorio lecchese. Como è la città della seta, delle ville, dei negozi, effettivamente è diversa. Lì i vip trovano più alberghi a 5 stelle, il paesaggio è più "morbido" con una logistica diversa. Lecco ha invece un'identità più legata alla montagna. Il vip, e più in generale il turista, che ama le attività outdoor in realtà viene più volentieri a Lecco, sul suo lago e sulle sue vette per sport, escursioni, per rilassarsi con gite più brevi. E poi c'è una differenza in termini di costi, Como è più cara, per lo shopping lì ci sono maggiori opportunità, e la città il doppio della nostra in termini di abitanti. Quindi è più facile che, a seguito di un turismo più strutturato, i Vip vadano su quella sponda del lago.

Dadati-2

Fabio Dadati

Questo non vuol dire che Como è meglio di Lecco, semplicemente vuol dire che le due realtà hanno caratteristiche diverse che possono comunque risultare complementari - aggiunge Dadati, esperto di turismo anche per la sua attività di albergatore con l'hotel "La Casa sull'Albero" a Malgrate, immerso in un parco secolare sul lago - Nella nostra struttura abbiamo avuto ospiti di livello, giunti nel Lecchese non tanto per cercare il lusso, quanto la tranquillità. Ciò che conta è lavorare insieme, coniugare le due identità e offerte turistiche, puntando su un solo e unico brand: "Lake Como", vincente anche per il richiamo internazionale. Tengo infine a sottolineare - conclude Fabio Dadati - che in realtà Lecco ha una grande opportunità legata alla cultura grazie all'impegno del prevosto don Davide Milani che ha promosso il Lecco Film Fest e Capolavoro per Lecco: due opportunità di richiamo anche per i personaggi famosi». 

"Capolavoro per Lecco" si allunga: visita aperta fino all'estate

Irene Alfaroli, assessore al Turismo della Provincia di Lecco e componente della Giunta di Bellano, richiama a sua volta il tema delle ville, sottolineando che anche Lecco, pur nelle sua diversità rispetto a Como, può contare su una valida offerta turistica. «Il fatto che i Vip prediligano il ramo comasco può essere legato alla conformazione del paesaggio, alla presenza di molte ville ben visibili andando in barca, da iniziative immobiliari fatte per preservare le abitazioni storiche che si affacciano sul lago, dalla presenza di una maggiore tradizione turistica con un'attenzione specifica al lusso e alla promozione internazionale - dichiara Irene Alfaroli - Lecco ha iniziato da poco tempo a interpretare il territorio in ottica turistica, in passato l'impostazione era più industriale. Ora è in atto una riconversione, dobbiamo lavorare anche dal punto di vista della mentalità. Già negli ultimi anni c'è stata una maggiore attenzione al turismo e alla cura dell'edilizia, penso per esempio ai colori delle case nei centri storici. Io adoro il mio territorio, abbiamo dei panorami splendidi. Da Bellano e dalla sponda lecchese del lago si possono ammirare tramonti suggestivi che i comaschi non possono vedere. Comunque il lago di Como è un bene e una risorsa per tutti.

Irene Alfaroli-2

Irene Alfaroli

Occorre lavorare in modo sinergico, puntare su un unico brand, promuovere a livello internazionale il territorio nel suo insieme, prendendo un po' spunto anche da quello che viene fatto sul lago di Garda dove in generale la cultura delll'accoglienza turistica è più sviluppata. A livello istituzionale c'è qualcosa di sistemare, la competenza in questo ambito dovrebbe tornare di più alle Province e alle Istituzioni per una visione e una promozione a 360 gradi del lago. Ricordo comunque - aggiunge l'assessore provinciale di Lecco - che i Vip apprezzano anche il nostro ramo. Per esempio John Legend ha registrato il video di una sua celebre canzone in una villa a Fiumelatte. Semplicemente, sulla sponda comasca sono più strutturati, hanno più ville e più tradizione turistica. Noi abbiamo anche il problema dei minori spazi. Solo domenica scorsa abbiamo avuto 1.650 visitatori all'Orrido di Bellano. Una bella notizia per il turismo, ma trovare parcheggi e spostarsi non è sempre facile. Questo per dire che anche il territorio Lecchese sta facendo la sua parte: propone un'offerta turistica valida, dobbiamo solo migliorare alcuni aspetti per dare vita a turismo sostenibile».

Presentazione giunta lecco 20 ottobre 20204 giovanni cattaneo-2

Giovanni Cattaneo

Giovanni Cattaneo, assessore all'Attrattività territoriale e al Turismo del Comune di Lecco, ricorda l'importante ruolo della montagna. «In realtà abbiamo tanti vip che scelgono Lecco, e la scelgono anche per la nostra montagna che si affaccia sul lago - sottolinea Cattaneo - Al di là dei personaggi famosi, il ragionamento sull'attrattività turistica è molto più ampio, non facile da sintetizzare. Ci sono aspetti legati alla storia, alla conformazione del territorio, ai diversi spazi a disposizione, alla maggiore o minore presenza di ville. Noi e Como siamo insomma due realtà diverse. In generale il nostro territorio in termini di richiamo e offerta sta crescendo, grazie anche all'impegno di imprenditori e operatori del settore. Dalla valorizzazione dei sentieri a quella del lago, i numeri dicono che è stato fatto molto in questi anni e che stiamo crescendo in ambito turistico, quindi in futuro anche persone famose potrebbero intercettare più facilmente la destinazione Lecco.

Lago Lecco da Preguda-2

Una veduta del lago di Lecco da Preguda, località sulle alture di Valmadrera.

Io se dovessi fare attività outdoor non avrei dubbi, il mix montagna la mattina e lago il pomeriggio c'è solo da noi, e prenoterei quindi una vacanza sul ramo lecchese del lago. Comunque - aggiunge l'assessore del Comune di Lecco - il target su cui dobbiamo puntare non è per forza quello di influencer o vip. Certo, loro possono aiutare in termini promozionali e d'immagine, ma occorre pensare a far stare bene il turista in generale. Ogni territorio ha una propria identità e Lecco ha la sua, legata appunto alle camminate, allo sport all'aperto, all'andare in canoa, alle salite in montagna, alle passeggiate a lago. Qui si può».

Mauro Manzoni-2
Mauro Manzoni

Il ramo lecchese del "Lake Como" può contare anche sulla "perla del lago": Varenna. Qui da tempo amministratori locali e operatori commerciali puntano sul turismo, come ricorda l'attuale sindaco Mauro Manzoni. «La tradizione lecchese in generale è sempre stata più legata all'industria, il turismo nella nostra provincia è stato una scoperta successiva - commenta Manzoni - Varenna fa un po' eccezione, da sempre tour operator stranieri sono innamorati di Varenna e la promuovono, predisponendo anche pacchetti turistici con il brand "Lake Como" nei quali vengono proposte visite e pernottamenti a Varenna. Penso soprattutto ai turisti americani, ma non solo. Certo, troverei assurdo dividere il lago di Lecco da quello di Como creando due brand distinti, sarebbe suicida dal punto di vista commerciale. Lavorando insieme per il turismo ne beneficiamo tutti, e questo va fatto puntando sul "Lake Como" e su un turismo di qualità, legato a paesaggi, luoghi e cultura. Varenna può contare anche su questa tradizione». E i vip? «Il turismo di lusso va altrettanto bene, ma è un altro concetto. Como da quel punto di vista propone un'offerta più ampia grazie alla presenza di un maggior numero di ville e di hotel a 5 stelle, uno standard lusso richiesto dai personaggi famosi. L'arrivo qualche anno fa di Clooney e di altre star - conclude il primo cittadino di Varenna - ha attirato ulteriore attenzione verso l'altro ramo del lago, così come il cinema che spesso ha promosso parchi e luoghi comaschi».

Beruschi-3

L'ex parroco di Abbadia Lariana con Enrico Beruschi.

Chi invece ha una seconda casa da tempo sul ramo lecchese del lago, ad Abbadia Lariana, è l'attore Enrico Beruschi: «La preferenza dei vip per la sponda comasca del lago è antica - dichiara il celebre volto del "Drive In" e di altri spettacoli cinematografici e teatrali - Le spettacolari ville, i grandi alberghi, il modo di fare turismo, l'imprenditorialità molto attenta da sempre a questo settore, sono tutti elementi che negli anni hanno favorito Como rispetto a Lecco nell'ottica Vip. Perché io prediligo il ramo lecchese del lago? - si chiede Beruschi - Perchè qui è ancora più suggestivo il sole che sorge sul Resegone e illumina il lago con l'acqua che scorre. Io sono affezionato a questo territorio. Qui è la mia culla. Qui c'è l'aria che già respiravo quand'ero nel grembo di mia madre. Abbadia Lariana, la frazione di Borbino e i luoghi tra le passeggiate a lago e il sentiero del viandante mi aprono il cuore».

Bodega ok-2

Carlo Bodega tra Emanuele Filippini e Federica Lodi.

E proprio al confine tra Lecco e Abbadia, in località Pradello, c'è una delle storiche attività di ristorazione del territorio con piatti di lago: la trattoria aperta dalla famiglia Bodega nel 1973. E Proprio qui Carlo Bodega ha ospitato l'estate scorsa l'ex calciatore e attuale CT dell'Under 19 Emanuele Filippini con la nota giornalista di Sky Federica Lodi. Pur mantenendo il dovuto riserbo, il titolare Carlo Bodega, racconta che diversi altri vip sono andati a mangiare nel suo ristorante. «In realtà sono diversi i personaggi famosi che vengono nel Lecchese, anche più di quelli che si pensa - sottolinea Carlo Bodega - Apprezzano la parte più incontaminata del lago, la nostra, rispetto al ramo comasco. Andando in barca, facendo un'escursione o una passeggiata da Lecco a Varenna restano affascinati. Questa costa, rispetto all'altra, prende tutto il giorno il solo, e in settimana c'è meno folla. Le belle ville in realtà ci sono pure nel Lecchese, ma sono meno e quelle comasche vengono promosse meglio a livello internazionale. Semmai noi abbiamo meno attracchi per le imbarcazioni e meno alberghi di alto livello, quindi è più facile che i Vip scelgano l'altro ramo per fermarsi con continuità. Ma quando vengono a visitare Lecco restano a bocca aperta per le nostre montagne e il lago, abbiamo infatti scorci più belli e particolari».

Da Mick Jagger a Ewan McGregor, da Diletta Leotta a Francesco Renga: alcuni vip tra i due rami del lago

grignetta diletta leotta 14 giugno 2020-2

Diletta Leotta con gli amici in Grignetta (foto da Instagram).

I quattro matrimoni più hot sul Lago di Como

Il ramo comasco conta sulla promozione lanciata ormai alcuni fa da George Clooney con la sua villa a Lalio, successivamente sui matrimoni di altri Vip come la pop star John Legend convolato a nozze con Chrissy Teigen festeggiando a Villa Pizzo, oppure la bellissima Elettra Lamborghini che ha pronunciato il fatidico Sì con AfroJack a Villa Balbiano. E poi ancora lo shopping di Bruce Springresteen in alcuni negozi di Como in occasione dei suoi concerti a San Siro, senza dimenticare le diverse abitazioni dei giocatori di Seria A. Ma anche il "Lago di Lecco" non scherza. Anche se - come evidenziato dalle persone intervistate - si è trattato più che altro di visite brevi, ma allo stesso tempo molto gradite sia da parte dei Vip che da parte dei lecchesi.

Ewan McGregor-2

Ewan McGregor partecipò al raduno delle moto Guzzi a Mandello.

Alcuni nomi su tutti: l'attore Ewan Mc Gregor presente a sorpresa al raduno Guzzi di qualche anno fa a Mandello del Lario, lo stesso John Legend che ha girato il video di una sua canzone in una splendida locatione nella frazione di Fiumelatte per arrivare alla bellissima Diletta Leotta la quale qualche mese fa ha scelto le vette della Grigna per un'escursione nel Lecchese. E poi ancora Dj Facchinetti che in passato propose un progetto per rilanciare Consonno, oppure il cantante Francesco Renga il quale ha girato la clip della sua celebre canzone "Vivendo Adesso" a Malgrate, senza contare che il suo chitarrista (e amico) Fulvio Arnoldi abita a Mandello del Lario. Al territorio mandellese è legato inoltre un altro noto cantautore. Si tratta di Enrico Ruggeri: dopo alcuni concerti, presentazioni di libri e pure una partita a calcetto con amici sarà nuovamente a Mandello venerdì 21 maggio per parlate del suo ultimo romanzo.

micka jagger lago como-3

Mick Jagger due anni fa in barca sul lago di Como.

Dopo il set cinematografico, Mick Jagger in barca sul lago

E chissà quanti altri Vip che, come Mick Jagger un paio d'anni fa in occasione di un set cinematografico, hanno scorrazzato in barca tra le acque del lago dimostrando che i due rami possono essere uniti in questa battaglia per il turismo, in modo diverso ma complementare e suggestivo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Davvero i Vip preferiscono il ramo comasco a quello lecchese del lago?

LeccoToday è in caricamento